Home Coppe Europee EuroLeague Career-High per Diego Flaccadori in Turkish Airlines Euroleague

Career-High per Diego Flaccadori in Turkish Airlines Euroleague

0
Diego Flaccadori Bayern
Diego Flaccadori (Bayern Monaco) – Carlos Calvillo per BasketItaly

Il Bayern Monaco ritorna a vincere in Turkish Airlines Euroleague, interrompendo una striscia negativa di 3 sconfitte. A farne le spese è stato il fanalino di coda Zenit St. Petersburg, che arrivava in Baviera forte della vittoria casalinga sull’Asvel Villeurbanne. Con questa, i padroni di casa si portano al 15°posto con 5 vittorie, mentre gli ospiti rimangono in fondo alla classifica appaiati allo Zalgiris, con 3 vittorie.

I russi rimangano in partita per 20′ grazie a Tim Abromaitis, che all’intervallo aveva fatto registrare 10 punti (2/2, 1/2, 3/3), e al primo buzzer beater di Alex Renfroe che manda tutti a riposo sul 37-35

Al rientro dagli spogliatoi, i padroni di casa approfittano di un calo d’intensità dello Zenit per aprire qualche contropiede e allungare in doppia cifra, grazie anche alla precisione al tiro. Gli ospiti, assorbito il colpo, provano un timido tentativo di rientro, ma i determinati avversari, non cedono. La gara si conclude con il secondo buzzer beater (questa volta da 2 punti) di Renfroe, che stretto tra due avversari subisce fallo e segna il libero, fissando il risultato finale sul 77-69.

MVP Vladimir Lucic con 17 punti (2/3, 3/4, 4/4), 5 rimbalzi e 25 di valutazione

Il Bayern manda ben 5 uomini in doppia cifra, tra cui c’è anche Diego Flaccadori.

Flaccadori stasera ha registrato il suo career-high in Turkish Airlines Euroleague, 11 punti, perfetto al tiro, con 4/4 da 2 e 1/1 da 3, a cui si possono aggiungere anche 2 rimbalzi per 12 di valutazione. Nelle ultime uscite, coach Radonjic è ritornato a impiegare il giovane italiano nel ruolo a lui più congeniale, quello di guardia, sempre al fianco di Lo o di Nelson.

Viste le assenze di Dedovic e Radosevic, coach Radonjic ha fatto esordire in Turkish Airlines Euroleague l’ala americana Joshua Huestis, intanto 7 minuti per lui, per assaggiare il campo. Solo panchina, invece, per l’altro azzurro Sasha Grant.

FC BAYERN MUNICH – ZENIT ST. PETERSBURG 77-69 (14-15/ 37-35/ 61-50)

Bayern: King, Koponen 11, Monroe 12, Lucic 17, Lo 11+7a, Zipser 2, Nelson 5, Flaccadori 11, Barthel 3+8r,  Lessort 5, Huestis, Grant ne

Zenit: Iverson 3, Albicy 7, Ponkrashov 5, Hollins  3, Thomas 5, Balashov ne, Renfroe 18 (4/5, 3/4, 1/3), Khvostov 2, Pushkov, Trushkin 6, Abromaitis 13, Ayon 7+5r