fbpx

EuroCup: L’Andorra di Michele Vitali continua a sognare, si va alla bella con l’ASVEL

Michele Vitali Andorra
Michele Vitali – Carlos Calvillo per BasketItaly

Il MoraBanc Andorra di Michele Vitali, unico italiano sopravvissuto in 7DAYS EuroCup, non si arrende e continua a sognare. Dopo aver perso di misura in gara 1 dei quarti di finale per 79-75 in casa dell’ASVEL francese, la compagine del principato ha fatto sua gara 2 tra le mura amiche, imponendosi con un eloquente 98-79 al termine di una sfida dominata dal secondo quarto in poi. La squadra allenata da Ibon Navarro giocherà quindi la terza decisiva partita per raggiungere la storica qualificazione alle semifinali mercoledì prossimo a Villeurbanne, nell’hinterland di Lione.

In semifinale c’è già il Valencia Basket, che ha chiuso la pratica Rytas Vilnius 2-0, mentre Alba Berlino, Unicaja Malaga, Lokomotiv Kuban e Unics Kazan dovranno giocare la bella. Andiamo a ripassare brevemente quando occorso sui parquet coinvolti nella lotta per alzare al cielo la coppa che, a parte prestigio, regala un posto per la prossima Turkish Airlines EuroLeague.

MoraBanc Andorra 98-79 LDLC ASVEL Villeurbanne

Il MoraBanc Andorra che gioca in EuroCup sembra una squadra diversa dispetto a quella che fa fatica nel campionato spagnolo. Michele Vitali e i suoi compagni hanno trovato una perfetta dimensione europea nella quale riescono ad esprimere il meglio del loro gioco. Dopo la dolorosa sconfitta rimediata martedì in Francia dopo aver dominato la prima parte, i ragazzi di Ibon Navarro sono riusciti nell’impresa di portare a casa la vittoria e guadagnarsi così la bella, che si disputerà mercoledì prossimo nell’area metropolitana di Lione.

Continua così il sogno di Michele Vitali, unico rappresentante italiano della competizione dopo la rovinosa caduta delle compagini azzurre nella prima fase. Il bolognese, che era stato uno dei migliori tra i suoi in gara 1, con 12 punti e 3 rimbalzi in 23 minuti, ha dato il suo contributo anche in gara 2, con 7 punti, 6 rimbalzi, un assist e 2 recuperi in 25 minuti. I migliori in campo sono stati il brasiliano Rafa Luz, autore di 17 punti, 4 rimbalzi e 4 assist, e Dylan Ennis, con 13 punti, 6 rimbalzi, 3 assist e 3 recuperi.

Valencia Basket, già in semifinale

C’è solo una squadra che può festeggiare già la qualificazione alle semifinali della competizione: il Valencia Basket. I taronja, tutto un “classico” della seconda competizione europea, che hanno già vinto per ben tre volte, sono i favoriti per ripetersi. Dopo un TOP-16 immacolato, la compagine allenata da Jaume Ponsernau continua a contare le sue partite in Europa come vittorie. Nonostante un periodo non brillantissimo in campionato e il gioco non sempre spumeggiante, gli spagnoli hanno avuto la meglio sul Rytas Vilnius imponendosi per 75-64 all’andata alla Fonteta (Matt Thomas MVP con 5 punti e 3 triple) e 56-71 in trasferta, con un gran Mike Tobey (18 punti e 7 rimbalzi).

Alba, Unicaja, Unics e Lokomotiv giocheranno la bella

Dopo aver dominato gara 1 in casa per 86-66 (32 punti di Errick McCollum), l’Unics Kazan non è riuscito ad ipotecare il passaggio del turno venendo sconfitto sul parquet del Lokomotiv Kuban per 68-59 (26 punti di Dmitry Kulagin).

Nel matchup tra Alba Berlino e Unicaja Malaga ha sempre vinto la squadra che ha giocato in trasferta. I tedeschi allenati da Aíto García Reneses sembravano a punto di far loro gara 1 di martedì scorso in casa, quando una schiacciata di Mathias Lessort sulla sirena ha regalato il successo agli spagnoli per 90-91. I teutonici si sono vendicati assaltando il Martín Carpena di Malaga con un netto 81-101, grazie a un gioco corale e ben sei uomini in doppia cifra, guidati da Rokas Giedraitis (23 punti con 9/11 dal campo e 5/7 in triple).