Home Europa Campionati Esteri BCL: Joan Peñarroya: “Magari Sassari mercoledì fosse nelle nostre stesse condizioni!”
Joan Peñarroya - ACB Photo BCL: Joan Peñarroya: “Magari Sassari mercoledì fosse nelle nostre stesse condizioni!”

BCL: Joan Peñarroya: “Magari Sassari mercoledì fosse nelle nostre stesse condizioni!”

0

VALENCIA – Mercoledì la Dinamo Sassari tornerà in campo dopo un lungo stop. È dai quarti di finale di Coppa Italia, infatti, che i ragazzi di Gianmarco Pozzecco non disputano una partita, e questa potrebbe essere un’arma a doppio taglio, proprio come ha sottolineato il coach del San Pablo Burgos Joan Peñarroya dopo la brutta sconfitta rimediata dai suoi ieri a Valencia in campionato.

La squadra spagnola, attualmente decima nel campionato di ACB, è infatti tornata in campo dopo tre settimane di stop (Coppa e finestre FIBA), venendo battuta dai taronja per un’eloquente 95-66.

“C’è poco da dire,” – ha esordito Peñarroya in sala stampa – “abbiamo tenuto duro 12-13 minuti, poi non siamo più stati in grado di mantenere il ritmo che marcava Valencia. Abbiamo notato il fatto che il nostro rivale si trovava in dinamica competitiva, mentre noi siamo stati tre settimane senza poterci allenare assieme, con giocatori fuori, e questo ci ha penalizzato. Non siamo stati capaci di esprimere questa durezza necessaria per poter competere in un campo come quello del Valencia. Speriamo che questa batosta che ci hanno rifilato serva per metterci in competizione da subito“.

La Dinamo Sassari, dal canto suo, al contrario di Burgos ha disputato la Coppa, ma solo la partita dei quarti, e poi, dopo la pausa per la finestra FIBA, non ha giocato per via dei rinvii decisi dalla FIP a causa del Coronavirus. Anche i sardi, quindi, rischiano di aver perso il ritmo partita, e di pagare il rientro alla competizione mercoledì proprio come successo al Burgos domenica in campionato.

Joan Peñarroya non crede che i sassaresi possano giocare così male come loro a Valencia.

Magari! Magari Sassari si presentasse mercoledì sul parquet così sconnessa come abbiamo fatto noi oggi,” – ha sostenuto il coach sorridendo – “ma ho dei forti dubbi che sia così. Giochiamo contro il secondo classificato del campionato italiano, a casa loro, una partita degli ottavi di finale della Champions League, una partita importante per entrambe le squadre, e sicuramente noi ci presenteremo a quest’appuntamento più in palla rispetto a quanto fatto vedere oggi”.

Parlando del lungo stop, l’allenatore catalano dei burgalesi ha reiterato il suo disaccordo.

“Queste finestre FIBA e questo lungo stop mi sembrano drammatici e pessimi per la pallacanestro, per i club e per i giocatori, con alcuni che hanno fatto 15.000 Km per giocate 35 minuti, insomma: un disastro! Qualche squadra sì, altre no… Credo che sia montato male, ma dove comanda il capo… il marinaio obbedisce!”.

[Immagine di copertina: M.Á. Polo / ACB Photo]