fbpx
Home Coppe Europee #EuroCup: Il Gran Canaria trionfa sull’Unics Kazan e vola ai quarti
AJ Slaughter - acb Photo / F. Robledano #EuroCup: Il Gran Canaria trionfa sull’Unics Kazan e vola ai quarti

#EuroCup: Il Gran Canaria trionfa sull’Unics Kazan e vola ai quarti

0

Il Gruppo H della 7DAYS EuroCup è arrivato all’ultima giornata del Top-16 con il secondo posto ancora in gioco. L’Herbalife Gran Canaria, impegnato in casa contro il leader Unics Kazan, e il MoraBanc Andorra, che ha affrontato il fanalino di coda Mornar Bar, si sono disputate un posto ai quarti in un duello fratricida a distanza, che hanno vinto gli isolani, mettendo in scena probabilmente la miglior partita della stagione.

In ogni caso, l’Unics Kazan aveva in gioco la possibilità di chiudere con la miglior differenza canestri della competizione (anche della Virtus Bologna), che garantisce il fattore campo per tutta la fase finale. Il Mornar Bar, da parte sua, albergava ancora qualche speranza di qualificazione. Quindi si sono vissute due partite vere.

MoraBanc Andorra – Mornar Bar 89-61

La compagine di Ibon Navarro è scesa in campo come un rullo compressore. Gli andorrani, che hanno dimostrato una voglia tremenda di passare il turno, hanno aggredito l’incontro, chiudendo il primo quarto sul 23-10. Gli uomini del principato hanno continuato il proprio dominio, andando a riposo sul 44-29. La musica non è cambiata nella ripresa, con le due squadre che hanno fissato l’elettronico sul 71-51. Nonostante il 0-5 di partenza dei montenegrini, l’Andorra non ha claudicato, e ha vinto in scioltezza anche l’ultimo parziale.

Jeremy Senglin è stato il top-scorer con 16 punti, bene anche Haukur Palsson, che ha messo a referto 13 punti e 4 rimbalzi. 14 punti per Tomasz Gielo. Per il Mornar Bar, da segnalare i 13 punti di Nemanja Vranjes.

Herbalife Gran Canaria – Unics Kazan 96-90

L’Unics Kazan, una delle massime favorite a vincere il titolo assieme alla Virtus, si è trovato di fronte un Herbalife Gran Canaria rinato, che ha chiuso il primo quarto avanti 31-17. Passata la crisi durata mesi con un inizio di campionato ACB pessimo, gli uomini di Porfirio Fisac hanno ritrovato lo smalto dei tempi migliori, e sono scesi in campo aggressivi per conseguire il proprio obiettivo. I padroni di casa hanno continuato a dominare la sfida, andando all’intervallo sul 57-40.

Il dominio dei padroni di casa è continuato anche nella ripresa. Il Gran Canaria, consapevole che, in caso di qualificazione sarebbe “nel lato facile del quadro”, ha chiuso il terzo quarto sul 78-58. L’Unics ha cercato di salvare almeno l’orgoglio, con un timido tentativo di rimonta nell’ultimo quarto, riducendo lo svantaggio da 24 punti a 6, ma gli isolani non si sono lasciati sorprendere.

AJ Slaughter è stato il migliore in campo con 24 punti e 5 assist. 14 punti per Matt Costello e John Shurna. Da parte dell’Unics, da segnalare i 32 punti di Jamar Smith.