Eurocup: Kazan non perdona le amnesie difensive della Fiat Torino

Reyer / Torino: Lamar Patterson tiro

L’ultima tappa del mini tour de force affrontato dalla Fiat Torino negli ultimi sette giorni è stata in Russia, dove l’Unics Kazan ha dominato per 35′ e vinto con pieno merito 101-93.

La squadra di Banchi ha infatti giocato contro una squadra ambiziosa, dopo aver affrontato lo scorso mercoledì il Darussafaka e domenica i campioni d’Italia di Venezia: perciò le attenuanti non mancano.

Tuttavia non si può certo dire che l’approccio sia stato dei migliori e, cosa ancor peggiore, non si può non sottolineare come la Fiat non sia stata in grado di trovare antidoti in tutto l’arco del match per fermare l’attacco dei russi.

L’asse play-pivot Colom-Lasme (50 punti in due) ha letteralmente “distrutto” il castello difensivo dell’Auxilium, che ha ceduto dalle fondamenta concedendo quasi il 60% da due agli avversari (27/47),

Il play spagnolo ha fatto male con le triple: con una ha segnato il 22-16, dando il la alla prima fuga, poi con un’altra ha seppellito le speranze di rimonta della Fiat, che si era riavvicinata nel terzo periodo sino al 74-68.

L’Unics ha dilagato a cavallo fra terzo e quarto periodo anche per merito dell’ex Panathinaikos Lasme, il quale era temuto sin dalla vigilia per l’abilità nell’utilizzo dei suoi chi e centimetri in area. I timori erano giustificati perchè il suo impatto a rimbalzo è stato impressionante e lo ha portato a chiudere il match con una  sontuosa doppia doppia da 24 punti e 11 rimbalzi.

Al di là dei meriti dei russi, che peraltro erano desiderosi di dimenticare il ko subito la scorsa settimana contro Andorra, la Fiat è stata quanto meno complice a causa di una difesa sembrata poco reattiva, costantemente in ritardo nelle rotazioni e talvolta pigra.

Un canestro manifesta più di tutti il grado di distrazione della Fiat: con 4” da giocare alla sirena del primo tempo, dalla rimessa da fondo sono bastati due passaggi contro la difesa allungata, per consentire a Smith, vincitore con Malaga della precedente edizione dell’Eurocup, di appoggiare in solitaria il terzo tempo del +14 (59-45).

La reazione anche questa volta non è mancata ma dopo aver quasi rimesso il match in equilibrio, con Patterson mattatore (4 triple a segno), lo sforzo delle partite disputate contro i turchi e contro Venezia è emerso e Kazan cinicamente ha chiuso il match raggiungendo il +20 (89-69). 

Negli ultimi cinque minuti comunque la Fiat ha piazzato il parziale con cui, nell’ottica del doppio confronto, mantiene la speranza di poter ribaltare il passivo nel match di ritorno.

In classifica infatti i russi hanno raggiunto la Fiat Torino, la quale però potrebbe ottenere la qualificazione “virtuale” battendo il Cedevita fra le mura del Ruffini nella partita in programma la prossima giornata.

Tabellino

Kazan-Torino 101-93 (28-24; 31-21;27-24; 15-24)

Kazan: Ejim 5, Ponkrashov  12, Colom 26, Lasme 24, Shukhovtcov ne,

Meiers 4, Smith 17, Trushkin 7, Bille ne, Lockett 6, Sergeev, Andusic. All:Priftis

Torino: Garrett 16, Parente ne, Vujacic 15, Poeta 8, Washington 8, Patterson 23, Stephens ne, Okeke 3, Jones, Mazzola 4, Iannuzzi 3, Mbakwe 13. All:Banchi

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *