fbpx
Home Serie A Made In Italy – Il quintetto italiano della 21° giornata
Made In Italy – Il quintetto italiano della 21° giornata

Made In Italy – Il quintetto italiano della 21° giornata

0

Il Quintetto italiano secondo BasketItaly.it per la 21° giornata.

Il Quintetto italiano secondo BasketItaly.it, ossia i migliori cinque della giornata che si possono “pescare” tra tutte le squadre di LBA Legabasket Serie A. Ecco i nostri fantastici cinque, più un sesto uomo, del ventunesimo turno della Serie A UnipolSAI stagione 2020/2021.

Michele Ruzzier (Openjobmetis Varese)
Nella vittoria biancorossa sulla Dinamo Sassari da pieno ossigeno per la classifica, è uno dei migliori dell’Openjobmetis con la sua prestazione più importante della stagione per personalità e freddezza. Il duello italico con Marco Spissu lo stimola, ma soprattutto è molto intraprendente. Infatti il triestino non si accontenta del solito penetra-e-scarica, decide che è tempo di andare fino in fondo facendo ballare gli avversari con le finte. Chiude a quota 17 punti (6/11 al tiro, 4/5 da due) – season high eguagliato -, piazzandoci pure 2 rimbalzi e 2 palle recuperate. Non vince tutti i duelli con gli avversari, ma trionfa sull’arco della partita che è quel che più conta, e non per niente è anche il migliore a livello di plus/minus in casa varesina (+20).


Stefano Tonut (Umana Reyer Venezia)
Alla Virtus Segafredo Arena contro le VuNere nel primo tempo non riesce a mettere in opera il marchio di fabbrica, ossia le penetrazioni al ferro lungo la linea di fondo. Ma rientrando dagli spogliatoi trova ritmo segnandone 13 nella terza frazione salendo in cattedra con 2′ di strapotere offensivo. Lotta con denti e cuore, fa percorso immacolato in lunetta (11 su 11!) segnando 22 punti per 26 di valutazione. È l’anima della Reyer Venezia, la squadra si affida a lui e di questi tempi appare come un giocatore completo.

Marco Belinelli (Virtus Segafredo Bologna)
Dal campo fa abbastanza fatica ad accendersi (leggasi il 2/10 al tiro), ma nel match interno contro l’Umana Reyer fa correre il proprio tabellino subendo un fallo dietro l’altro. Tutti suoi gli ultimi sei punti – dalla lunetta – che mettono in ghiaccio la vittoria virtussina. 15 su 16 ai liberi, 6 rimbalzi e 2 assist per 19 punti segnati con 7 falli subiti e 23 di valutazione. Un vero e proprio corso sull’arte di subire falli e realizzare tiri a cronometro fermo.

Fabio Mian (Vanoli Basket Cremona)
Contro la Carpegna Prosciutto Pesaro sfiora il career-high da 25 dell’andata (evidentemente ha il dente avvelenato ed è assoluta bestia nera della Vuelle). Pronti, via, e il primo quarto sembra un clinic offensivo che, solo facendo paragoni enormi con Klay Thompson o Stephen Curry, ti spieghi quanto sia on-fire: 6 su 7 da tre nei primi 10′! Trascina la squadra alla vittoria da cecchino quindi abbassando poi le marce, ma non fa mai mancare il proprio apporto. In difesa legge bene la situazione, contiene gli avversari diretti. Alla fine sono 23 punti con 4 rimbalzi e 4 assist per 26 di valutazione. Caldo come una stufa.


Amedeo Tessitori (Virtus Segafredo Bologna)
Tex viene schierato in quintetto per il big-match contro la Reyer Venezia e non tradisce assolutamente coach Djordjevic. Buon avvio, bene quando rientra, fondamentale nel finale. Se Gamble e Hunter vanno in difficoltà, Amedeo ha la possibilità di andare in ritmo nei suoi 18 minuti sul parquet. Nel finale di partita oltre a segnare canestri importanti, la sua difesa è splendida da attanagliare un avversario come Mitchell Watt. Alla fine sono 11 punti con 7 rimbalzi rifilando 2 stoppate. Carica e energia per essere il pivot del Quintetto Italiano per la 21° giornata.


6° uomo Matteo Imbrò (De’ Longhi Treviso Basket)
Se contro la UNAHOTELS Reggio Emilia il Professor David Logan gioca una partita molto anonima e va in difficoltà, il Capitano di Treviso Basket non tradisce assolutamente: tiene a galla i suoi nel primo tempo partendo forte ed è già a quota 12 all’intervallo. Alla fine gestisce bene i possessi nell’ultimo quarto e segna il canestro decisivo con il jumper. Si è riscattato dal match di settimana scorsa con una prova da 17 punti, 5 rimbalzi, 1 recupero e 1 assist, ma tanto fosforo e tanta leadeship insieme a DeWayne Russell. Cuore di Capitano.


BasketItaly.it – Riproduzione Riservata