fbpx
Home NBA NBA – Risultati della notte: Irving e i Nets di rabbia sui Jazz, San Antonio sorprende i Clippers, Lakers a fatica sui Grizzlies
Credits: Forbes.com

NBA – Risultati della notte: Irving e i Nets di rabbia sui Jazz, San Antonio sorprende i Clippers, Lakers a fatica sui Grizzlies

0

UTAH JAZZ – BROOKLYN NETS 96-130

Con una partenza a razzo nel primo quarto (35-14) i Brooklyn Nets scaricano tutta la loro potenza sugli Utah Jazz, con un Kyrie Irving da 20 punti nella prima metà (sui 29 totali alla fine). Jarrett Allen pulisce benissimo i vetri con 18 rimbalzi e 19 punti, mentre LeVert con 24 è il migliore dalla panchina, in una Brooklyn priva di Durant. Per i Jazz ci crede davvero solo Mitchell con 31 punti, mentre Gobert mette una doppia doppia da 10+11 (anche se lui e Conley fanno 6/20 al tiro). Brooklyn sale 4-4 mentre Utah resta sempre sopra il 50%, ora 4-3.

LOS ANGELES LAKERS – MEMPHIS GRIZZLIES 94-92

LeBron e The Brow prendono per mano i Lakers nell’ultimo quarto, e il rematch del FedEx Forum a Memphis vede la quarta vittoria di fila dei gialloviola, 94-92 sui Grizzlies. Memphis vende ancora carissima la pelle, raggiungendo anche il +10 nel secondo quarto, con un Valanciunas da 13+11, Brooks e Dieng anche loro a quota 13 e Clarke a 12, ma l’accoppiata James-Davis segna 35 punti nella seconda metà – con alcune giocate decisive negli ultimi due minuti, soprattutto di the King – e scava il +5 a un minuto dalla fine che i Grizzlies non possono recuperare. Lakers in testa alla Western (6-2), Memphis in coda (2-5).

MINNESOTA TIMBERWOLVES – DENVER NUGGETS 116-123

Un Joker senza pietà, diremmo alla Heath Ledger vista la spietatezza, ne mette 35 con 15 rimbalzi e per Minnesota è notte fonda. Non bastano i 33 di D’Angelo Russell (con 11 assist) e i 25 di Hernangomez; i Nuggets prendono possesso della sfida nell’ultima frazione, con un perentorio 30-20 e riducono il gap ad Ovest, ora sul 3-4. Per Denver, 20 punti anche per Barton e 17 per JaMychal Green, mentre Campazzo si ripete in doppia cifra con 11 punti (ma 0/3 da tre).

SAN ANTONIO SPURS – LOS ANGELES CLIPPERS 116-113

Punteggio bugiardo per una sfida che gli Spurs hanno condotto per quasi tutto il tempo, tranne vantaggi di un punto per i Clippers nel primo e nell’ultimo quarto. Career high di triple per Patty Mills che ne mette 8 su 12 per 27 punti totali, mentre il rientrante Aldridge ne fa 14. 21 anche per Dejounte Murray tra i neroargento, e 16 in 24 minuti per Rudy Gay. Fuori George per i Clippers, le redini le prende l’ex Leonard con 30 punti e 10 assist, seguito da Batum con 21+9 e Pat Bev con 20.

CHICAGO BULLS – PORTLAND TRAIL-BLAZERS 111-108

Dopo la brutta sconfitta contro Golden State, i Blazers si fanno rimontare in casa dai Chicago Bulls (dopo essere stati sopra anche di 20 punti e davanti per praticamente tutta la gara) per 111-108. Zach LaVine (18 con 9 assist per lui) mette una tripla fondamentale a pochi secondi dal termine per il +4 Bulls che i Blazers non riusciranno a recuperare. Per Chicago, sempre priva di Markkanen, fondamentale White con 21+10a, oltre a Porter Jr con 19+13, e ben 7 giocatori in doppia cifra su 9 a referto. Nulla da fare per i Blazers che stavolta hanno 50 punti dall’accoppiata Lillard-McCollumCovington ne aggiunge 14 ma non basta per Portland, ora sotto il 50% con 3-4 ad Ovest.