#FIBAWC: Spagna-Argentina, una finale in salsa Latina!



Provate a chiudere gli occhi un attimo ed a immaginarvi per un attimo a Buenos Aires
In fondo alla strada Lionel,un ragazzino di 12 anni, incontra Miguel un suo compagno di scuola, dall’altra parte del mondo a Madrid lpiù o meno la stessa scena Sergio, 26 anni, incontra Vincent suo collega di lavoro…
Voi direte e che c’entra tutto questo preambolo con una finale di coppa del mondo?
Centra, centra e sapete perché? Perché la conversazione tra questi personaggi il 15 SETTEMBRE sarà sicuramente questa:
¿Cómo estás? ¿Adónde estás yendo? (Che tradotto sarebbe Come Stai? Dove stai andando?)
A VER LA FINAL!

Beh per questo non credo ci sia bisogno di traduzione!

E si perche questa sarà una finale TUTTA in salsa Latina!
Argentina e Spagna si incontrano per una partita dove la “Garra Charrua” la farà da padrona.

Beh principalmente perché le particelle elementari della garra sembrano essere l’impegno fisico, lo sforzo caratteriale e il coinvolgimento emotivo, e in questo i latini sono portatori sani da secoli!

È una sfida dal sapore storico, una sfida che vede l’orgoglio come chiave di lettura fondamentale, e si, perché l’Argentina venne conquistata propio dagli spagnoli nel 1500.

E sappiamo che gli argentini di sangue spagnolo ne hanno parecchio. Potremmo chiamare al gemellaggio ma no…qui non funziona così! C’è una Coppa del Mondo da vincere!

E si perché gli spagnoli arrivano un po’ come Cenerentola al ballo del Castello, partiti come squadra dal basso contenuto tecnico e trasformati grazie alla bacchetta magica di Coach Scariolo una bellissima realtà!
Qualche piccola lacuna con l’Italia per poi sfoderare le loro armi migliori!
Sono bastate due partite per riportare le gerarchie al loro posto, passeggiata sulla Polonia e impresa pazzesca sulla Australia battuti a fatica dopo due overtime 95-88! E Marc Gasol come un principe azzurro che porta la sua principessa alla Finale di Pechino!

Dall’altra parte l’albiceleste, non ha fatto niente più niente meno quello che è richiesto alla quinta squadra del Ranking FIBA.
Un girone eliminatorio passato senza troppi problemi poi due partite pazzesche contro Polonia e Serbia.
In semifinale i galletti francesi, forti della vittoria contro i campioni del mondo uscenti degli Stati Uniti, la sfida sembra tutta a favore dei transalpini…e invece no! Il + 14 finale racconta di una Argentina che non ha mai mollato è sempre in vantaggio nel corso dei quattro quarti.
Il loro condottiero si chiama Luis Scola 34 minuti 28 punti, 13 rimbalzi e due assist! Prova monumentale per il giocatore degli Shangai Sharks!

I presupposti per una finale meravigliosa ci sono tutti ma, ogni modo, vogliamo immaginare Miguel, Lionel, Sergio e Vincent sullo stesso divano con la canotta del loro idolo ad urlare con tutta la voce che hanno: CHICOS, VAMOS A GANAR ESTE MUNDIAL!