fbpx

Euroleague: Un Fenerbahçe rimaneggiato rifila una batosta al Barça, bene gli italiani

Melli Datome Fenerbahçe
Gigi Datome e Nicolò Melli – Carlos Calvillo per BasketItaly

Sfida da alta classifica quella disputata al Palau Blaugrana tra il FC Barcelona Lassa e il Fenerbahçe valevole per la decima giornata di Turkish Airlines Euroleague. Sia il Fenerbahçe che il Barça hanno vinto la settimana scorsa, i blaugrana battendo nettamente l’Olimpia Milano, e si trovano nella parte alta della classifica. I padroni di casa hanno fatto un notevole passo indietro, venendo pesantemente sconfitti per 65-84 da un Fenerbahçe con diversi assenti. La compagine turca resta prima in classifica assieme al CSKA, con 9 vittorie e una sconfitta.

Inizio di partita equilibrato e combattuto da parte delle due squadre, con Nicolò Melli partito in quintetto per la compagine turca. Entrambe le squadre hanno chiuso molto bene gli spazi in difesa, rendendo complicato per gli avversari avvicinarsi al ferro. Erick Green, inserito a sorpresa da Zeljko Obradovic in quintetto, è riuscito a creare il primo vantaggio importante per gli ospiti. Da parte del Barça Kevin Séraphin ha schiacciato con potenza riducendo le distanze. Verso fine del primo quarto ha fatto il suo ingresso in campo anche Gigi Datome, che non ha tardato a trovare il canestro. Un buzzer-beater di Bobby Dixon ha permesso al Fenerbahçe di chiudere il primo periodo avanti 17-23.

Bobby Dixon è rimasto in campo molti minuti per le non perfette condizioni fisiche di Kostas Sloukas e la mancanza di Sinan Güler, impegnato con la nazionale turca nelle partite di qualificazione al mondiale, e una sua tripla ha aperto le danze nel secondo quarto. Gigi Datome ha dimostrato di essere determinante da entrambi i lati del campo, con una stoppata dalla quale è poi scaturita una tripla. Un canestro nel pitturato di Joffrey Lauvergne, riuscito a superare Séraphin, ha portato il Fener sul +10 (21-31), costringendo Svetislav Pesic al time-out. Il Barça ha cercato di restare in partita aggrappandosi alle triple di Kyle Kuric. Il pubblico locale si è acceso contro l’arbitro, l’italiano Luigi Lamonica in occasione di un fallo tecnico fischiato alla panchina locale, trasformando il Palau in una bolgia. I padroni di casa sono riusciti a rientrare in partita grazie a un dinamico Adam Hanga, che ha messo in difficoltà la retroguardia turca. Il Fenerbahçe è riuscito a ritrovare la via del canestro dopo un momento di black-out grazie a una tripla dall’angolo di un attivo Marko Guduric. La due squadre sono andate a riposo sul 36-45.

Il Barça ha aggredito la seconda parte della sfida, riducendo le distanze con Víctor Claver. Una tripla di Nicolò Melli ha ridato respiro al Fenerbahçe. L’ala grande reggiana ha poi ristabilito il +10. Ancora Melli ha punito un Barça impreciso, e la compagine turca, nonostante le assenze, ha ritagliato un vantaggio importante. Marko Guduric ha dimostrato poter essere un buon playmaker supplente nei momenti di riposo di Bobby Dixon. Il piccolo play ha continuato a mettere a segno punti importanti, come il 2+1 del +17. 47-64 il punteggio dopo tre quarti.

Nell’ultimo quarto il Barça ha provato a uscire forte, ma il Fenerbahçe ha fatto vedere di avere la partita in mano. Due canestri consecutivi di Gigi Datome hanno tarpato le ali al tentativo di rimonta blaugrana. In ogni caso, gli uomini di Pesic sono riusciti a ridurre lo svantaggio grazie a un Hanga inspirato. Marko Guduric ha messo la parola fine virtuale con tre canestri consecutivi che hanno messo in evidenza tutto il suo repertorio: una penetrazione, una tripla e una transizione. Con il risultato volato nuovamente sul +19 per la compagine di Obradovic con 3’30” ancora da giocare, i tifosi locali hanno iniziato ad abbandonare mestamente il palazzetto. La partita è andata scemando negli ultimi minuti, nella quale ormai non aveva più niente da raccontare.

  • FC Barcelona Lassa: Adam Hanga (16 punti, 6 rimbalzi, 25 di valutazione), Kyle Kuric (10 punti), Pierre Oriola (9 punti, 4 rimbalzi);
  • Fenerbahçe: Bobby Dixon (16 punti, 5 rimbalzi), Marko Guduric (13 punti, 5 rimbalzi, 4 assist, 24 di valutazione), Gigi Datome (11 punti), Nicolò Melli (10 punti, 3 rimbalzi, 2 assist).