Euroleague: Guduric e Sloukas decisivi, il Fenerbahce vince a Tel Aviv 70-74

Il Fenerbahce espugna il campo del Maccabi Tel Aviv (70-74 il finale in favore dei turchi) e trova così l’ottava vittoria in nove partite. Prima vittoria di sempre in regular season in Israele contro i giallo-blu. La compagine allenata da Zeljko Obradovic aggancia il Real Madrid (che ha perso al Pireo contro l’Olympiacos 88-83), in attesa del CSKA Mosca impegnato domani sera a Podgorica contro il Buducnost. Debutto amaro per il nuovo allenatore dei giallo-blu d’Israele, Ioannis Sfairopoulos, subentrato a Neven Spahija.

La sfida inizialmente è equilibrata e a basso punteggio, il Maccabi chiude il primo periodo avanti 16-13 con il canestro del -3 turco grazie a Mahmutoglu; nel secondo c’è la reazione della squadra turca che mette il naso avanti grazie a 8 punti filati di Gigi Datome ma i gialloblu replicano con un 10-0 e toccano il +8 (38-30).
Obradovic chiama time-out e si infuria con la squadra, soprattutto con Kostas Sloukas.

https://twitter.com/Eurosport_IT/status/1065697158823911424

All’intervallo lungo è 41-36 per il Maccabi. Il terzo periodo si apre con una bomba di Caloiaro per il nuovo +8 Maccabi ma il Fenerbahce non sta a guardare e, preso per mano da Sloukas e Vesely, ribalta la gara, sorpassa e al 30′ conduce 53-55.

Negli ultimi 10′ si accendo Marko Guduric che infila 11 punti consecutivi e lancia il Fenerbahce a +8 (63-71).

https://twitter.com/EuroLeague/status/1065714541554790400

Da lì però gli uomini di Obradovic non segnano più, Caloiaro infila il -3 e poi Wilbekin fallisce la tripla del potenziale pareggio a 39″ dal termine con un tiro che non tocca nemmeno il ferro. La mano di Jan Veselj trema per la prima volta in serata (7/8 ai liberi) ma arriva il punto della tranquillità per il Fener.

Alla fine sono 18 punti di Sloukas (pur con 5 perse). Per Gigi Datome sono 8, tutti nel primo tempo, mentre per Nicolò Melli 2 punti e 4 rimbalzi in 27′. Nelle file del Maccabi ci sono 17 punti + 8 rimbalzi di Angelo Caloiaro e 15 di Scottie Wilbekin.