fbpx

De Raffaele: “Solidi e continui difensivamente, un grande senso di squadra e di sacrificio.”

Walter De Raffaele, coach dell’Umana Reyer Venezia, analizza nella sala stampa del PalaTaliercio la vittoria oro-granata arrivata sulla Germani Brescia Leonessa per 68-60 nella TOP16 in 7 DAYS EuroCup.

“E’ stata una partita molto solida, forse la nostra miglior prova difensiva della stagione insieme a quella fornita al PalaLeonessa in campionato e nell’ultimo match a Trieste. Abbiamo avuto una continuità difensiva importante, abbiamo sempre controllato il match e ciò ci ha permesso di sbagliare tanti tiri aperti, ma quello che mi è più piaciuto di stasera è il senso di squadra che ci portiamo dietro 48 ore dopo la partita vinta a Trieste. Tanto sacrificio da parte di tutti, abbiamo molto bene limitato le loro bocche da fuoco, considerato che reputo Brescia la squadra più in forma del campionato al di là dei giocatori singoli, non a caso veniva da 9 vittorie consecutive stagionali ed era in grandissima fiducia. Vittoria importante per il senso di squadra, il senso di sacrificio, entusiasmo e coesione, tutte cose che noi viviamo e sulle quali noi abbiamo costruito i nostri successi.”

La gran partita di Jeremy Chappell. “Ha fatto una partita totale, ne avevamo bisogno. È stato molto bravo a tirare con fiducia, segnando sì ma il miglior lavoro l’ha fatto difensivamente perchè ha sempre messo il corpo, è stato molto bravo anche se poi nella difesa di squadra, è una difesa di squadra. Alla fine è stato aiutato molto dai compagni, però non c’è dubbio che abbia fatto una partita di grande spessore.”

Durezza mentale della Reyer nell’ultimo quarto del match quando Brescia ha tentanto il rientro da -19. “Stasera ci sono stati passi avanti a livello di scelte nei momenti che contavano, aldilà di segnare o sbagliare siamo andati dove volevamo; l’esempio, ultima azione della partita con il tiro aperto da tre punti con Chappell o quella precedente con Austin Daye da dentro, poi vero che potevamo limare qualche palla persa. Però il passo avanti c’è stato sotto pressione, quando siamo andati dove volevamo e quali vantaggi colpire, grande attenzione direi per quasi tutta la partita.”

Nell’impatto iniziale, Chappell e Tonut insieme nello starting five, con Bramos in panchina. “Ci hanno dato grande energia, ci hanno dato attacco al ferro, offensivamente ci hanno dato qualcosa di più non codificabile: nel senso, senza nulla togliere a Michael Bramos che ha un modo di giocare molto più preciso, quindi avere loro due e poi insieme Udanoh e Watt, con Mitchell Watt che ha giocato per l’80% da 4, sta diventando un giocatore totale con tutte le difficoltà difensive, ha marcato Moss, Silins, Sacchetti… però all’inizio volevamo essere aggressivi.”

Ike Udanoh ha preso fiducia. “Ha fatto un’altra partita molto intensa, di attenzione. Siamo molto contenti perchè sta entrando nei nostri meccanismi anche se dopo un po’ di mesi. Deve avere un po’ di fiducia offensivamente perchè ha le capacità e dinamismo di prendere soluzioni soprattutto quando ha vantaggi fisici, credo però che più giocherà, più prenderà questa confidenza.”

Nota dolente, Ariel Filloy. “Sta facendo fatica, inutile nascondersi. Io sto cercando comunque di coinvolgerlo perchè so che è un giocatore che si può sbloccare e non ho dubbi sul fatto che lo farà. Naturale che mi dispiace perchè è un ragazzo che si applica, è indubbio che sta facendo fatica. Lui è il primo a essere dispiaciuto, la squadra lo supporta. Dobbiamo avere la pazienza e l’umiltà di aspettare tutti perchè siamo una squadra che ha fatto sempre in questo modo. Quelle sono difficoltà, ricordandoci per esempio Marquez Haynes nel primo anno che l’abbiamo sempre aspettato.”

Umana Reyer – Germani Brescia: Press conference

💬🏀Umana Reyer – Germani Brescia: post-game press conference#7DaysEurocup #esserci

Pubblicato da Reyer Venezia su Martedì 14 gennaio 2020