fbpx

Pesaro e Caserta a confronto: salvezza? Decisa in 40 minuti

marco mordente, caserta Pesaro e Caserta, il confronto continua. Sono intervenuti martedì a Radio Primarete Caserta il direttore sportivo pesarese Stefano Cioppi e il capitano della Juve Marco Mordente. La sorte del calendario ha voluto così: le due squadre, che lottano per la retrocessione, si affronteranno nello scontro diretto proprio nell’ultima giornata. Pesaro o Caserta? «Noi dovremo puntare assolutamente sull’aspetto mentale perché, dal punto di vista tecnico, Caserta è più forte, – ha detto Cioppi- ora che Caserta ha compiuto il miracolo si sorpassarci, la palla peserà anche a lei». Successi, poi incontri persi, poi atteggiamenti da rivedere: «Dopo Capo D’Orlando abbiamo avuto degli incontri, come contro Milano e Sassari, che ci sta anche perdere. Ma poi abbiamo sbagliato completamente l’approccio nella partita con Cremona. Nelle ultime settimane però abbiamo migliorato il nostro standard di gioco, e si è visto contro Trento e Pistoia».

Caserta invece rimane sempre con quel punto di penalizzazione che però, come detto dal capitano, non ha cambiato nulla nella testa della squadra: «Siamo d’accordo tutti con il coach, ci abbiamo sempre creduto nell’obbiettivo e continueremo a farlo per raggiungere il nostro sogno, – ha detto Mordente – il nostro spirito è rimasto sempre lo stesso e tale deve rimanere. C’è stato un momento in cui siamo stati depressi, come contro Trento o Varese, ma dopo Avellino, dal martedì alla domenica, l’atteggiamento della squadra è sempre lo stesso». Caserta con autorità, come lo stesso Mordente, Michelori, Ivanov e Antonutti che possono benissimo fare la differenza e sopravvivere alla mancanza sempre del solito puntoin questione: «Noi giocatori sbagliamo tutti in campo, ma non si può discutere sull’aspetto umano. Abbiamo sprecato tempo ed energie da dicembre a febbraio, e poi è iniziata questa rimonta, – ha continuato – in prospettiva Pesaro? Dovremo avere in  campo la stessa durezza mentale e fisica delle ultime partite. Dobbiamo andare lì con la consapevolezza di riuscire ad essere aggressivi e decisi in ogni lato del campo. Dopo la gara interna con Capo d’Orlando tutti ci davano per morti, invece adesso siamo qui a giocarcela!». Qualche parola il ds Cioppi l’ha spesa anche in merito al comunicato stampa sui soli 207 posti disponibili per i casertani nella super super sfida: «Abbiamo problemi organizzativi nostri riguardo la vendita dei biglietti in quanto ci sono state imposte restrizioni dai Vigili del Fuoco dall’inizio della stagione, – ha detto – il settore ospiti, dall’inizio del campionato, è omologato per soli 207 posti. Ad esempio con Sassari, anche se il settore ospiti era vuoto ci è stato vietato di vendere i biglietti in quel settore anche ai nostri ragazzi del minibasket. L’attuale capienza complessiva autorizzata è di circa 5.500 posti». Una precisazione anche sulla differenza di prezzo del biglietto, casertani dentro con 22 euro, pesaresi con 5: «Abbiamo fatto una promozione per i nostri tifosi, per gli ospiti c’è solo un accordo di Lega per 50 tifosi organizzati a 10 euro, e poi niente altro. Del resto, – ha concluso – anche altre società hanno fatto promozioni in questa parte conclusiva di stagione come regalare un biglietto agli abbonati».

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *