Home Serie A Made In Italy – Il quintetto italiano della 4° giornata
Made In Italy – Il quintetto italiano della 4° giornata

Made In Italy – Il quintetto italiano della 4° giornata

0

Il Quintetto italiano secondo BasketItaly.it, ossia i migliori cinque della giornata che si possono “pescare” tra tutte le squadre di LBA Legabasket Serie A. Ecco i nostri fantastici cinque del quarto turno della Serie A UnipolSAI stagione 2020/2021, con un sesto uomo.

Andrea De Nicolao (Umana Reyer Venezia)
Se non c’è l’infortunato Julyan Stone, tanti minuti e tanta regia della Reyer al PalaBancoDesio vanno al giocatore di Camposampiero che si fa trovare pronto e risponde presente. 31 minuti sul parquet, tanto fosforo e i canestri decisivi a rispondere nel terzo quarto alla reazione di Cantù che cercava in tutti i modi di riavvicinarsi. Lascia il palcoscenico finale a Daye e Watt, ma lui li accompagna sino alla fine. Stats che parlano di 14 punti con 6 assist, e di una miglior prova in campionato senza se e senza ma.

Marco Spissu (Banco di Sardegna Dinamo Sassari)
Un po’ di confusione nel primo tempo (vedere alla fine del match 7 palle perse, alcune molto banali per malinteso coi propri compagni…), ma quando c’è da andare in lunetta per chiudere il match e prendersi la vittoria, bisogna rivolgersi a “Ice MiniSpi”! Lui in regia e Miro Bilan sotto-canestro, formano l’asse decisivo per battere la Fortitudo Bologna nel lunch match. Molto bene quando si mette in proprio, prende le redini della squadra nel quarto finale segnando quando conta: ah, sarebbero 12 punti con 8/8 ai tiri liberi negli ultimi 10′ di match. Statistiche finali che parlano di 22 punti, 3 rimbalzi, 3 recuperi, 5 assist, 6 falli subiti e 23 di valutazione.

Fabio Mian (Vanoli Basket Cremona)
Se nella vittoria casalinga sull’Openjobmetis Varese i due Williams (TJ e Jarvis) insieme a Daulton Hommes fanno pentole e coperchi più cospicui, la guardia friulana 28enne non è da meno; infatti è lui che apre e chiude le danze. 8 pti in un primo quarto per il parziale aiutando la Vanoli a costruire il vantaggio retto per tutta la partita, 7 nel quarto periodo per i canestri della staffa. Solitamente quando è in trance agonistica dura solitamente un match… invece dalla partita contro la Virtus Bologna la sta portando avanti. 15 e 4 rimbalzi alla fine nelle statistiche conclusive.

Filippo Baldi Rossi (UNAHOTELS Reggio Emilia)
Quando l’ex di turno sa come farsi volere bene dai suoi ex compagni di squadra… Contro la sua amata ex Virtus Bologna, nel primo tempo sfodera un match ottimo e senza errori al tiro con una sfida tutta personale con il suo amico Pippo Ricci reggendo la baracca reggiana dall’acqua in un primo tempo dove trova la giocata sempre giusta. Nella ripresa calano visibilmente le percentuali, ma rimane l’MVP della gara con 25 di valutazione e una prova di assoluto valore ben coadiuvato da Brandon Taylor in regia. Nelle stats finali son 18 punti, 7 rimbalzi, 3 recuperi e 2 assist.

Christian Burns (Germani Pallacanestro Brescia)
Quando nel primo tempo c’è solo Brescia in campo, offre un match solido e da un aiuto importantissimo alla squadra; quando Trieste rientra a contatto nella ripresa, insieme a Drew Crawford si fa trovare pronto e risponde dando un contributo fondamentale alla causa della Leonessa per vincere il match e controllare fino alla fine. Sotto-canestro annulla Upson, 27 minuti sul parquet di pura energia e battaglia leonina: statistiche finali che parlano di una doppia-doppia da 17 punti e 11 rimbalzi, 2 assist, 3 falli subiti per 23 di valutazione.

6° uomo Davide Moretti (A|X Armani Exchange Milano)
Dopo 3’30” di partita è il primo che Ettore Messina decide di mandare in campo rilevando Michael Roll dalla panchina. Si fa trovare assolutamente pronto nel match contro la Virtus Roma in cui c’è tanto spazio per permettere del riposo ai compagni più utilizzati in Euroleague. Sa perfettamente che queste partite sono la sua occasione, lo dimostra con sì 14 tiri presi, ma ben 29 minuti di utilizzo e con 15 punti risulta il miglior marcatore del match: chirurgico nei momenti chiave in cui Roma prova ad avvicinarsi timidamente, fa quello che gli riesce meglio.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata