fbpx

La Germani Brescia schianta l’Olimpia Milano in rimonta: 78-72 al PalaLeonessa

La Germani Basket Brescia ci prende gusto e batte per la seconda volta in stagione l’Olimpia Milano, consolidando così il terzo posto. I ragazzi di coach Esposito vincono il derby superando L’Armani Exchange 78-72.

Se con Venezia in EuroCup era stato un fattore in negativo, questa sera dall’arco Brescia fa malissimo: 52% con 15 su 29. Super protragonisti i due americani Lansdowne e il rientrante Horton, che mettono a referto rispettivamente 25 e 20 punti. Messina nelle scelte lascia a riposo Scola e Rodriguez, oltre agli indisponibili Moraschini e Brooks, assenze che si sono fatte sentire eccome.

Inizio da incubo per i due attacchi. Dopo sei minuti 1 su 9 per Brescia e 3 su 12 per Milano al tiro, con l’Olimpia avanti 6-3. Nel finale di quarto tre liberi di Della Valle permettono all’Olimpia di toccare il +9 portando il punteggio sul 15-6. La squadra di Messina chiude avanti alla prima sirena 15-9. La dominanza meneghina sotto canestro è schiacciante.

Nel secondo quarto si prende la targa da protagonista Nedovic, che porta la squadra di Messina sulla doppia cifra di vantaggio: 19-9. La reazione di Brescia non si fa attendere con un ottimo Lansdowne. I padroni di casa tornano sul -4, ma arriva un nuovo allungo milanese chiuso dalla tripla di Della Valle. La Germani comunque ritorna ancora a contatto e all’intervallo è sotto di cinque punti 29-34.

Al rientro dall’intervallo Brescia parte subito con il piede sull’acceleratore. Horton guida l’attacco della Germani, che si porta avanti sul +1 ribaltando la situazione e guidando 38-37. Laquintana mette la tripla del +5 e poi è il grande ex Moss che firma il +8 56-48. Il quarto si chiude con un’incredibile magia di Nedovic, che trova la tripla del -5 proprio sulla sirena56-51.

Gli ultimi dieci di gioco sono al cardiopalma: Milano comincia meglio grazie alla bomba firmata Micov che vale il +1 58-59. Tarczewski firma anche il +4 in contropiede, ma Lansdowne entra letteralmente “on fire” stoppando e segnando due -triple incredibili. Il risultato è sul 67-67, ma la giocata della notte è di Horton che -segna da tre conquistandosi un fallo: 75-72. Dopodichè, Milano perde lucidità e nel pieno della demoralizzazione Micov fa 0/2 dalla lunetta ponendo fine alle speranze della compagine allenata da Ettore Messina.

Finisce qui, con Brescia che si tiene stretta il terzo posto guardando Milano dietro quattro punti, ma con l’ennesima consapevolezza di essere sempre meno sorpresa e tanto più certezza.