fbpx
Home Serie A Gara 2 archiviata: Brindisi protegge il suo fortino contro Trieste 86-54
Credit: FIBA.Basketball Gara 2 archiviata: Brindisi protegge il suo fortino contro Trieste 86-54

Gara 2 archiviata: Brindisi protegge il suo fortino contro Trieste 86-54

0

Happy Casa Brindisi conquista con disinvoltura anche gara 2 nella serie playoff contro Allianz Pallacanestro Trieste per 86-54. 

Partita senza storia per Trieste che non trova ancora la chiave giusta per mettere in difficoltà Brindisi. Gli uomini di coach Dalmasson muovono poco il pallone ma sono anche sfortunati sotto canestro. I brindisini invece giocano bene e si divertono in campo, Thompson e compagni smarcano ottimi passaggi che si concludono in importanti conclusioni.

17 punti per Perkins con 8 rimbalzi, 16 per Gaspardo con 3/4 da 3 e sfiorata doppia doppia per Willis da 11+9. Dall’altra parte buona prestazione di Davide Alviti a referto con 14 punti e  4 falli subiti, segue Upson con 11+4.

 

 

Cronaca

Polveri bagnate per entrambe le formazioni che iniziano a prendere confidenza col campo; Brindisi apre le danze con Bostic, Trieste si affida a Fernandez che trova spazio nel centro dell’area. Perkins si mette in ritmo e permette ai biancazzurri di prendere il controllo della partita. 25-11 fine primo quarto.

Sale in cattedra anche Harrison che dalla lunga distanza porta la Happy Casa sul +20. L’Allianz prova a recuperare, costruisce silenziosamente in attacco e mette a segno un parziale di 9-0 firmato Delia-Alviti che significa -11. Brindisi ricaccia indietro gli avversari pur commettendo qualche errore di troppo prima dell’intervallo: 40-25.

I pugliesi riprendono da dove avevano lasciato e giocano rapidi spalle a canestro; Alviti e Grazulis provano ad accendere una fiamma importante per Trieste, ma intanto gli uomini di Vitucci vanno a firmare il massimo vantaggio del +30. 68-41 alla fine del terzo quarto.

Serie di errori per Brindisi in avvio di ultimo tempino perché i friulani difendono forte e mettono pressione ai padroni di casa. Riprende subito le redini del match la Happy Casa tornando sul +26, Vitucci dà spazio anche ai più giovani che chiudono al meglio l’incontro.