De Nicolao: “Treviso mi ha cresciuto. Per vincere il derby serve tecnica e lucidità”

Andrea De Nicolao, playmaker dell’Umana Reyer Venezia, presenta il match che la squadra oro-granata affronterà sabato al PalaVerde di Villorba: il derby veneto con la De’ Longhi Treviso Basket.

“Ci arriviamo con il morale alto dopo le ultimedue buone prestazioni. Non sto qui a raccontare cosa sia un derby perchè lo sappiamo benissimo, il derby è un match diverso e speciale, questo tra Treviso e Venezia lo è dopo tanti anni di mancanza e la gente scalpita per tornare al palazzetto per tifare la propria squadra. Treviso non vede l’ora, come idem noi. Sarà uno spettacolo come sugli spalti e da questo punto di vista sarà un bello spot per la pallacanestro.”

Su Treviso squadra. “E’ costruita potenzialmente per fare i playoff, quindi dovremo stare molto attenti perchè lor giocano in casa, cercheranno di fare risultato e di costruire il loro fortino durante l’anno, vorranno fare più vittorie e quindi più punti possibili. E’ una squadra che conosco bene perchè Max Menetti è stato il mio allenatore a Reggio Emilia per due stagioni, so che vorranno mettere molta aggressività in campo, molto pathos, molta voglia di coinvolgere squadra e pubblico per caricarsi tutti quanti e trovare tiri al di fuori dei loro schemi. Quindi mi aspetto una partita molto aggressiva da parte loro. Noi dovremo essere tecnici e lucidi, sapere di ciò che andremo incontro e di eseguire il nostro gioco.”

Cosa hanno portato le due vittorie su Cantù in campionato e Tofas Bursa in EuroCup. “Vincere ti dà morale, positività. fiducia in difesa e in attacco, in tutte le cose che fai, d’altronde è così lo sport. Speriamo che per le 4 sconfitte consecutive sia stata la prima e l’ultima volta che sia accaduto, non è facile perdere ma tornare a ri-vincere è un po’ più facile di solito. La fiducia e il morale alto ti aiutano nei tuoi mezzi.”

Per Andrea De Nicolao la ‘vecchia’ Pallacanestro Treviso sponsorizzata Benetton è stata la squadra dove il giocatore nativo di Camposampiero è cresciuto nel settore giovanile. “Io a Treviso devo molto, non lo nascondo perchè io sono cresciuto lì. Sono esordito in Serie A con loro e anche se la società è cambiata per motivi che sappiamo tutti, per me sarà una grande emozione tornare al PalaVerde da avversario. Forse a quei tempi quando ero piccolo non me lo sarei aspettato di tornare così da avversario…”

‘De Nik’ ha giocato gli ultimi due derby ufficiali giocati nella stagione 2011-12 allenato dall’attuale allenatore della Virtus Bologna, Sasha Djordjevic, contro l’Umana Reyer neopromossa allenata da Andrea Mazzon. “Vinsero entrambe le squadre fuori casa, fu un brivido viverli e giocare quei due derby al PalaVerde, cornice di pubblico e partite pazzesche. Speriamo di riviverli ancora quest’anno con le stesse emozioni.”

Gli viene chiesto quale giocatore tema di più di Treviso. “Sappiamo tutti che loro hanno una bocca da fuoco particolare, che quando si accende può anche non sbagliare mai. In pre-stagione a Jesolo ce ne ha segnati 39. David Logan è il pericolo pubblico n°1, bisognerebbe tappargli le ali e magari fargli fare 30 punti a qualcun altro, magari così la portiamo a casa…”

Come sta preparando la partita il suo ex coach, Menetti. “So che lui ci tiene tanto al derby, alle relazioni con le persone soprattutto dato che le sa caricare mentalmente tantissimo e quindi so che lui starà mettendo tanta fiducia e positività ai suoi giocatori. Lui è molto bravo a sottolineare i punti di forza dei propri giocatori, e non i punti deboli, per potergli dare ancora più fiducia e per farli andare in campo magari più forti di quello che sono, li starà motivando sicuramente tantissimo.”

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata