fbpx
Home Coppe Europee EuroLeague EuroLeague – Primo tempo assurdo del Maccabi Tel Aviv, Zalgiris abbattuto

EuroLeague – Primo tempo assurdo del Maccabi Tel Aviv, Zalgiris abbattuto

0

Per il round 8 della Turkish Airlines EuroLeague, alla Menora Mivtachim Arena di Tel Aviv il Maccabi schianta i lituani dello Zalgiris Kaunas per 85-57.

E’ la terza vittoria per gli israeliani in stagione (3-5 il record), Zalgiris fermo a quota 5 vittorie e terza sconfitta.

Sembrava sul 2-8 iniziale che lo Zalgiris avesse indirizzato la partita sul suo binario, invece è stato un primo tempo dominato in lungo e in largo dalla formazione israeliana con un 53-23 nei primi 20′ che ha chiuso di fatto anticipatamente la posta in palio con la formazione di casa allenata da Ioannis Sfairopoulos a tirare 9/11 da tre a fronte di uno 0/7 dello Zalgiris Kaunas. Secondo tempo che è stato un lunghissimo garbage time con il Maccabi Tel Aviv che ha rallentato la presa, ha semplicemente gestito le operazioni e Kaunas che ha toccato solamente il -26 a 7’14” dalla fine prima del risultato finale che parla chiaro.

Cronaca del match

Inizio della partita ad appannaggio della formazione ospite con la coppia Walkup – Lauvergne a portarla sul 2-8 dopo 3′. Ma ci vuole poco che il Maccabi entri in partita piazzando un 8-0 di break per mettere la testa avanti sul 10-8, è 12-10 al TV time-out dopo 6′ con già 6 punti di Elijah Bryant. Chris Jones e ancora Bryant danno il massimo divario di +4 per i gialloblu d’Israele sul 18-14 poi sono le triple di Jones e Dragan Beneder a dare per i padroni di casa la doppia cifra di vantaggio: è 24-14 dopo i primi 10′.

Bender fa toccare il +13 con la sua seconda tripla per il 27-14 all’11’, time-out Schiller. Ma lo Zalgiris fa un’enorme fatica a contenere il Maccabi che scappa sul 32-14 dopo 12′ con la tripla di Oz Blazyer (6/7 da tre per Tel Aviv), coach Martin Schiller spende un altro time-out cercando di scuotere il suo Zalgiris. Ma niente, i lituani non si svegliano offensivamente mentre in difesa si addormentano quasi del tutto lasciando a Tyler Dorsey il +22, 36-14 al 14′. PARZIALE DI 24-2!!! Nonostante Lekavicius e Lauvergne fermino in qualche modo la rottura, l’uragano israeliano Maccabi continua a produrre punti, le triple di Dorsey e Scottie Wilbekin fanno volare i padroni di casa sul 44-18 al 17′!!! E il massimo vantaggio aumenta minuto dopo minuto: 49-21 al 18′. Toccato il +30 a fine primo tempo, è 53-23 dopo i primi 20′. Valutazione 69 a 9, 9/11 da tre per il Maccabi contro lo 0/7 dello Zalgiris.

Si torna in campo e la squadra lituana non dà assolutamente l’impressione di recuperare i 30 punti di svantaggio, anzi, il Maccabi si porta sul +32 prima, +34 poi come massimo divario sul 65-31 al 25′. Ma lo Zalgiris cerca almeno di non entrare dalla porta sbagliata dei record, così lima il divario chiudendo il terzo quarto sul -28, 72-44.

Ultimo quarto che è un lungo garbage time con i lituani a superare quota 50 a solo 3’12” dalla fine. Troppo poco per lo Zalgiris. Da segnalare i primi 2 punti nella competizione del giovanissimo Dori Sahar. Finisce 85-57.