Euroleague – Milano vince a Bamberg 78-83

L’Olimpia chiude la sua EuroLeaggue “On the Road” sbancando Bamberg, 83-78 con una prova con una notevole prestazione di squadra, tanti protagonisti differenti in momenti diversi e l’atteggiamento mentale giusto per ribaltare l’ultimo tentativo di fuga di Bamberg con un 8-0 lucido in attacco (otto punti filati di Bertans) e forte in difesa che ha generato il break risolutivo. Per l’Olimpia è la quinta vittoria esterna, un 5-10 che è ritmo da playoffs. Nel girone di ritorno è la sesta vittoria in assoluto, la quarta fuori casa, segno chiaro di crescita e progressi.

IL PRIMO TEMPO – L’Olimpia attacca la partita con una tripla di Goudelock, poi Tarczewski protegge il ferro (devastante stoppata su Nikolic), i rimbalzi difensivi sono utilizzati per correre in transizione. Una tripla di Cinciarini e un’entrata di Kuzminskas valgono il 10-2 che obbliga Coach Banchi a chiamare il primo time-out dopo tre minuti e venti. Il secondo fallo di Tarczewski su Musli significa bonus bruciato in meno di cinque minuti così Bamberg si riavvicina. Due triple di Dorell Wright, un gran primo quarto (8 punti) di Hackett lo riportano a meno uno. Cinciarini con due liberi e Jerrells con una tripla allungano di nuovo a più sette. Bamberg resta aggrappata con un periodo in cui produce tre “canestro e fallo”. Quello di Rubit riduce il divario ancora a meno due. La tripla di M’Baye chiude il quarto sul 28-23 Milano con Micov a quota nove. Bamberg comincia il secondo quarto con un 5-0, tripla di Staiger e lay-up di Radosevic, impattando a quota 28. Le palle perse e i falli dei due centri (tre Tarczewski nel secondo quarto dopo il secondo di Gudaitis) permettono a Bamberg di mettere la testa avanti con due liberi di Maodo Lo. L’Olimpia risponde tre volte, poi deve “abbassarsi” controvoglia perché preservare i due centri dai falli significa giocare con Pascolo da 5 nominale. Bamberg può allungare sul 38-34 forzando Coach Pianigiani al time-out. Il vantaggio massimo raggiunge i sette punti (gioco da tre di Hickman, il quarto di Bamberg) sul 41-34. Poi Pascolo a rimbalzo d’attacco “assiste” Cinciarini e M’Baye in entrata completa a sua volta il gioco da tre punti che riporta Milano a meno due. Al rientro dal time-out di Banchi, Goudelock perfeziona due “floater”, uno centrale e un altro lungolinea completando il 9-0 di parziale che permette all’Olimpia di tornare avanti. Due liberi di Hackett pareggiano la gara alla fine del primpo tempo, 43-43.

IL SECONDO TEMPO – L’Olimpia parte forte, con Cinciarini e Kuzminskas poi si trova già con il bonus bruciato dopo meno di tre minuti. Hickman ne approfitta con Rubit per andare in lunetta, rimontare da meno quattro e superare. Sotto 50-49, l’Olimpia risponde con la seconda tripla di Cinciarini e un corto jumper di Gudaitis ritornando avanti sul 54-52. Qui però perde il controllo del ritmo, incassa tre canestri facili da sotto e smette di fare le cose semplici in attacco. Il parziale di 8-0 lo sbatte sotto di sei costringendo Coach Pianigiani al time-out. Al rientro, l’Olimpia si affida alle iniziative di Jerrells che segna due volte in penetrazione. Alla fine del terzo è 64-60 Bamberg. Nonostante il precoce quinto fallo fischiato a Tarczewski, l’Olimpia resta agganciata a Bamberg nel quarto periodo. Un gioco da tre di Micov la riporta a meno tre, un possesso difensivo fatto bene genera il contropiede che manda a canestro M’Baye per un secondo gioco da tre che vale il pareggio a 66. Dal time-out Bamberg esce con un parziale di 5-0, interrotto dalla tripla di Bertans. Jerrells in entrata e Gudaitis mettendo palla in terra (canestro e fallo) firmano il 5-0 del nuovo vantaggio di Milano. Bertans tiene Hackett uno contro uno in difesa poi allo scadere dei 24″ mette la seconda bomba consecutiva che vale il 77-73 Olimpia. Milano tocca i sei punti di vantaggio, con Gudaitis e Bertans. Poi Bamberg produce il massimo sforzo. Radosevic, in una serata impeccabile sbaglia il libero del meno due con le due squadre che “finiscono” con quattro esterni in campo. Micov firma il più cinque, poi controlla il rimbalzo che vale la vittoria, 83-78.

BROSE BAMBERG – AX ARMANI EXCHANGE MILANO 78-83 (23-20; 43-43; 64-60)

BAMBERG: Hackett 17, Hickman 11, Wright 6, Zisis ne, Nikolic, Steiger 3, Mitrovic 2, Lo 4, Olinde ne, Rubit 12, Musli 10, Radosevic 13

MILANO: Goudelock 7, Micov 14, Pascolo, Tarczewki 2, Kuzminskas 4, Cinciarini 12, Abass ne, M’Baye 13, Theodore 2, Bertans 8, Jerrells 9, Gudaitis 12

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *