Olimpia Milano troppo molle in difesa e il Real Madrid espugna il Forum

zoran-dragic-milano-2016-10-13

L’Olimpia Milano cade per la prima volta in casa e lo fa contro il Real Madrid per il punteggio finale di 101-90

I milanesi sono troppo molli in difesa e solo nel primo tempo concedono una decina di punti facili agli avversari. E con il Real Madrid è come sanguinare davanti a uno squalo. LLull e Carroll puniscono costantemente mentre Milano in attacco è frenetica trovando spesso tiri affrettati e senza ritmo. Hunter punisce le disattenzioni a rimbalzo di un Raduljica a tratti inguardabile mentre Alessandro Gentile non riesce mai a trovare il ritmo partita chiudendo con una pessima prestazione.
Eppure l’Olimpia la possibilità l’ha avuta con una rimonta nel terzo quarto grazie a Hickman (il migliore dei suoi con 19 punti 5 assist 4 rimbalzi) e Pascolo. Il Buzzer di un redivivo Sanders riporta Milano in partita trovando anche il -2 nel quarto periodo.
Ma le disattenzioni ritornano e in un attimo è di nuovo notte fonda difensivamente con un Rudy Fernandez infuocato che chiude di fatto la partita con le sue triple.

Olimpia Milano ampiamente rimandata per l’atteggiamento ma anche nei singoli, con Gentile e Raduljica(0 rimbalzi gridano vendetta) i peggiori in campo ma soprattutto è la pessima percentuale dall’arco a condannare Milano. Con 4/20 da 3 contro il Real Madrid e in questa Eurolega non vinci mai.
Eppure, nonostante l’avversario di livello elevatissimo, c’è il grande rammarico di aver sprecato ancora (dopo il Pireo) una chances di insidiare una grande, soprattutto quando dopo essere faticosamente tornati a -2 la rimonta viene vanificata da una serie di distrazioni ormai troppo costanti. Jasmin Repesa avrà molto da lavorare a riguardo.

Ea7 Milano: Mclean 11, Gentile 2, Hickman 19, Kalnietis 2, Raduljica 7, Dragic 5, Macvan 7, Pascolo 6, Cinciarini, Sanders 16, Simon 13.

Real Madrid:  Randolph 20, Draper 5, Fernandez 13, Nocioni, Doncic 3, Maciulis 7, Reyes 4, Ayon 2, Carroll 11, Hunter 18, Llull 18

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *