Home Serie A Venezia si rialza e torna alla vittoria, piegata una combattiva Cantù
Venezia si rialza e torna alla vittoria, piegata una combattiva Cantù

Venezia si rialza e torna alla vittoria, piegata una combattiva Cantù

0

Per la quarta giornata del campionato di LBA Legabasket Serie A Unipol Sai 2020/2021, al PalaBancoDesio l’Umana Reyer Venezia batte l’Acqua S. Bernardo Cantù per 67-75. Per la squadra orogranata è la terza vittoria in campionato e va a quota 6 in classifica, mentre Cantù deve recitare la seconda sconfitta stagionale.
Un match sempre condotto da Venezia che ha toccato il +19 come massimo divario nel secondo quarto e che ha sofferto il rientro della squadra lombarda avvicinatosi a -5 a 6’34” dalla fine, ma l’Umana Reyer ha controllato e si è presa la vittoria. Decisivo l’impatto della panchina veneziana (9 a 28) e una gran difesa nei primi 20′ di match. In casa Cantù non bastano 4 uomini in doppia cifra guidati dai 14 di Sha’Markus Kennedy con 7 rimbalzi e 5 stoppate (26 di valutazione), per la Reyer 15 di Watt, 14 di De Nicolao e 13 di Tonut, 11 per la coppia Daye – Bramos.

Cronaca del match

In avvio la Reyer controlla la partita tenendo l’inerzia con Watt e Chappell sugli scudi, Cantù regge con Jazz Johnson e la difesa di Kennedy (3 stoppate in pochi minuti), 14-14 dopo 8′. Venezia poi scava il primo solco con le triple di Bramos e il canestro di Daye, è 16-25 dopo il primo quarto. Toccano la doppia cifra di vantaggio gli ospiti sul 18-28 al 12′, Cantù fatica enormemente contro la difesa orogranata (2 punti segnati in appena 5′ del periodo), Venezia con Fotu e Daye scappa sul +16, 18-34 al 16′, time-out Pancotto. Jazz Johnson è l’unico a insidiare la difesa veneziana, troppo poco per impensierire la Reyer che tocca il +19 con Austin Daye e Stefano Tonut (22-41 al 18′), time-out De Raffaele sul 25-41 al 19′. I canestri di Watt e Pecchia chiudono il primo tempo sul 27-43 a favore dell’Umana Reyer.
Si ritorna in campo e Woodard “spaventa” la Reyer con tripla e canestro in transizione per il 32-43 in meno di 1′, chiama subito time-out De Raffaele. Cantù tocca il -10, Venezia resta in controllo ma non riesce a essere continua quanto il primo tempo complice una squadra brianzola cambiata di rendimento: De Nicolao e Watt segnano il +13 sul 40-53, ma Pecchia e il solito difensore Kennedy (stoppata siderale su Casarin) limano sempre più il divario per il 47-55 dopo tre quarti di gioco. Ultimo quarto: Tonut è l’unica luce in attacco della Reyer che subisce ancora una volta la reazione canturina con Woodard e Sha’Markus Kennedy, è 55-60 a 6’34” dalla fine, time-out De Raffaele. Le triple di Bramos e De Nicolao ri-allontanano l’Acqua S. Bernardo Cantù per il 55-66 a 5’43” dal termine, time-out Pancotto. La tripla di Daye e Watt in post basso danno il +12 a 3’07”, 61-73. Finita? Assolutamente no, perchè Cantù guidata da Andrea Pecchia risale fino al -6 a 1’46” dalla fine, time-out Pancotto a 1’05” sul 67-73. I liberi di Tonut chiudono però la pratica perchè gli ultimi attacchi canturini si infrangono sul ferro, Venezia porta a casa così la terza vittoria in LBA per 67-75.

MVP BasketItaly.it: Mitchell Watt.

Acqua S. Bernardo Cantù – Umana Reyer Venezia 67-75 (16-25; 27-43; 47-55)

Arbitri: Saverio Lanzarini, Denis Quarta e Dario Morelli.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata