Sassari vola a Pesaro incerottata, la VuElle è pronta ad approfittarne

Consultinvest Pesaro, Peter Lorant e Tommaso Raspino festeggiano la vittoria

La lanciatissima Dinamo Sassari vola a Pesaro per il posticipo, che chiude temporaneamente la 21a. giornata di LegaA, da una parte la voglia di migliorare la propria posizione in classifica in vista dei playoff, dall’altra la necessità di sorprendere per conquistare il prima possibile la salvezza.

Qui Pesaro:
I padroni di casa, dopo la trasferta vittoriosa di Roma, che ha dato fiducia al progetto VuElle 2015 con il cambio in panchina e l’arrivo di Wright e Lorant, cercheranno di soprendere, per provare a sfruttare la sfida tra Capo d’Orlando e Caserta, come trampolino di lancio per la salvezza; viceversa una sconfitta con la possibilità del -3 Casertano, può pregiudicare un cammino, che per ora ha regalato delle belle soddisfazioni, ma che vede il traguardo ancora piuttosto lontano.
Paolini ex di turno, ha elogiato il gioco di Sassari, soprattutto quello visto nell’ultimo periodo, tanto da ritenere Sacchetti il miglior allenatore Italiano degli ultimi anni, sfida particolare invece per capitan Musso, che non ha mai giocato con la maglia biancoblu, ma ha iniziato la sua carriera proprio in Sardegna con la quale è legatissimo e perciò vivrà una sorta di derby. 
david logan, sassari
Qui Sassari:
La Dinamo non è partita al completo per la trasferta Marchigiana; fuori l’ultimo acquisto Kadji che ha avuto necessità di un permesso per rientrare negli Stati Uniti per problemi familiari. A causa di problemi fisici, non sarà della gara nemmeno Edgar Sosa, per lui si potrae il problema alla mano destra accusato in Coppa Italia, mentre si aggregherà al gruppo Devecchi direttamente a Pesaro, dopo aver ottenuto un permesso dalla società per un lutto familiare.
Problemi in settimana anche per Dyson (influenza), che però dovrebbe giocare seppur non al massimo della condizione, mentre Chessa non ha ancora recuperato dall’infortunio alla caviglia subito contro Bologna.
Rotazioni limitate, ma per Sacchetti la cosa importante è solo una e lo ha ribadito in conferenza stampa: “l’atteggiamento giusto è la chiave”

Le chiavi della gara:
Coach Paolini è stato chiaro in settimana: “cercheremo di rallentare il loro ritmo, ma non di abbassare il nostro”; Sassari ha fatto del run and gun il suo marchio di fabbrica, ma la defezione di Sosa e la condizione di Dyson, potrebbero pregiudicare il piano partita Sassarese, lasciando spazio alle iniziative della VuElle, che ha ritrovato in Wright un faro in attacco di importanza capitale.
La qualità globale di Sassari però è superiore a quella dei padroni di casa, soprattutto nella lunghezza del roster, che vede delle alternative valide nelle rotazioni, grazie al gruppo degli Italiani.
Pesaro dunque potrebbe provare a forzare il ritmo, per sfruttare le defezioni avversarie, Sassari invece cercherà di costruire fuori dal perimetro, qualora non riuscisse a sfruttare come in altre occasioni il pick and roll, che spesso ha permesso agli uomini di Sacchetti di mettersi in ritmo.
Tanta responsabilità per David Logan, che di fatto potrebbe essere spesso il primo portatore di palla, togliendo a Sassari l’opzione offensiva della sua uscita dai blocchi. Pesaro invece potrebbe puntare sul lavoro nel pitturato spalle a canestro, che Lorant, Ross e Judge possono offrire, per aprire il campo alle intuizioni di Wright e al tiro di Myles.
Tanti i temi tattici in una sfida che vede il risultato finale davvero importante per entrambe le formazioni e che, potrebbe rappresentare soprattutto per Pesaro, un crocevia stagionale, per vivere la fine del campionato con tranquillità o sudare come nella passata stagione sino all’ultimo turno.
Appuntamento domani alle 20:00 all’Adriatic Arena, diretta su RaiSport1, dirigeranno la gara i signori Martolini, Rossi e Weidmann.

Sassari per confermarsi grande nonostante le assenze
Pesaro per creare un argine dal fondo della classifica.

BasketItaly.it – riproduzione riservata

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *