Home Coppe Europee EuroCup Reyer Venezia, il punto sul mercato oro-granata nel segno di continuità e solidità
Reyer Venezia, il punto sul mercato oro-granata nel segno di continuità e solidità

Reyer Venezia, il punto sul mercato oro-granata nel segno di continuità e solidità

0

Umana Reyer Venezia, dove ci eravamo lasciati? Lo scorso 16 febbraio alla Vitrifrigo Arena di Pesaro la formazione oro-granata allenata da coach Walter De Raffaele si aggiudicò le Final Eight di Coppa Italia, mentre l’ultima partita giocata da Stefano Tonut e compagni è datata 3 marzo 2020 con la vittoria sul campo del PalaLeonessa battendo la Germani Brescia per una storica qualificazione ai Quarti di Finale della 7 DAYS EuroCup. Due successi che hanno ancora dimostrato la vera forza del team veneziano, il Gruppo (non a caso con la G maiuscola): coesione, esperienza, giocatori che non smettono di lottare grazie a una forte identità di uomini e idee di gioco difficile da affrontare per tante formazioni avversarie, camaleontica a seconda dell’avversario che ha di fronte, con una profondità di roster di grande qualità inculcata in una società del presidente Federico Casarin e del patron Luigi Brugnaro che ha fatto della continuità e della solidità il proprio mantra. Ed è proprio da queste due ultime caratteristiche citate non di poco conto che l’Umana Reyer Venezia ripartirà nella prossima stagione tra il campionato LBA-Legabasket e la 7 DAYS EuroCup in cerca di altri successi dopo due Titoli di Campione d’Italia, una FIBA Europe Cup e per l’appunto la Coppa Italia.

Si ricomincerà prima di tutto dalla prima ufficialità emessa ieri dall’Umana Reyer: infatti, è stato confermato in blocco lo staff tecnico della stagione appena conclusa con coach Walter De Raffaele che sarà al suo decimo anno in Laguna (sesto anno come capo-allenatore), e i suoi assistenti saranno ancora Gianluca Tucci, il “veterano” Alberto Billio e Massimo Galli, senza dimenticare i preparatori fisici Renzo Colombini e Matteo Xalle.

Per quanto riguarda i giocatori, rimarrà il gruppo “storico”: nessun dubbio sulle permanenze di capitan Michael Bramos, Andrea De Nicolao (alla Reyer fino al 2023), Stefano Tonut, Mitchell Watt (come Denik in oro-granata fino al 2023) e Julyan Stone (blindato fino al 2022). Qualche dubbio ha lasciato Gasper “Gapi” Vidmar, ma il roccioso pivot sloveno rimarrà, chiudendo le voci alla sua partenza (vari rumors nel mese scorso parlavano al suo posto dell’arrivo del connazionale Rasid Mahalbašić, pivot visto in EuroCup con la maglia dei tedeschi dell’Ewe Baskets Oldenburg, e Devin Williams reduce da un’annata al Tofas Bursa). Altre conferme saranno quelle di Valerio Mazzola e Jeremy Lamar Chappell, resta un’incognita legata alla posizione del play-guardia Davide Casarin con la Reyer che deve decidere se trattenere nelle rotazioni il 17enne talento del suo vivaio, o esplorare le richieste di diversi club di serie A (Pallacanestro Trieste è alla finestra) per garantirgli un impiego superiore a quello che potrebbe prospettargli l’Umana. Le ultime due conferme, ma non per questo meno importanti, saranno quelle di Bruno Cerella e Austin Daye: l’esterno classe 1986 di Bahìa Blanca e il figlio di Darren non si muoveranno dall’Umana Reyer Venezia, con l’MVP delle ultime Final Eight di Coppa Italia e delle scorse finali scudetto che ha accettato l’offerta biennale (senza uscita) proposta dalla dirigenza oro-granata come annunciato dal sito Sportando dopo che si sono susseguite varie notizie al suo ritorno nell’NBA.

Passiamo ai giocatori in “uscita”: di sicuro lasceranno la Reyer Ike Joseph Udanoh, il “Mini Mamba” Andrew Goudelock (dichiaratosi free-agent lo scorso 3 giugno) e Francesco Pellegrino che per un motivo o per un altro hanno faticato non poco a trovare spazio nello scacchiere veneziano. A questi si aggiungerà anche Ariel “El Gaucho” Filloy che ha vissuto una stagione di alti e troppi bassi.

In entrata, due atleti: il play-guardia Lorenzo “Lollo” D’Ercole e l’ala-pivot neozelandese Isaac Fotu. D’Ercole, in uscita dalla Oriora Pistoia Basket, è il candidato n°1 a sostituire il partente Filloy, mentre Fotu, proveniente dai “cugini veneti” della De’ Longhi Treviso Basket (14.1 punti e con 5.3 rimbalzi in 20 incontri disputati in LBA), andrà a rafforzare il pacchetto lunghi con la sua fisicità ed esperienza come riportato da Sportando.

Isaac Fotu Mitchell Watt

Non ci resta quindi che attendere le varie ufficializzazioni da parte dell’Umana Reyer Venezia che manterrà di fatto l’ossatura del proprio sistema e inserirà dei perfezionamenti per migliorarsi ulteriormente a livello italiano e continentale.

BasketItaly.it – Riproduzione riservata