Questione inno francese, la “ribellione” del mondo Ultras

L'immagine può contenere: una o più persone, campo da basket e folla

La decisione di Legabasket e FIP di far suonare la Marsigliese su tutti i campi dopo l’incendio di Notre Dame sta scatenando una ribellione tra i gruppi ultras, o c’è chi mostrerà indifferenza.

Eagles Cantù 1990

“Noi diciamo NO!
“NO” alla buffonata dell’inno francese.
Siamo sicuramente dispiaciuti per un edificio storico che è andato a fuoco, ma si tratta di danni strutturali e soprattutto di NESSUNA VITTIMA.
Ci sono state tantissime occasioni per mostrare solidarietà A NOI STESSI, inteso popolo italiano, o a TRAGEDIE VERE in altre parti del mondo.
Quindi ribadiamo il nostro “NO”.
Nessun fischio, nessun boicottaggio, la nostra mentalità ci porta sempre e comunque a rispettare la sacralità dell’inno, qualunque esso sia.
Nulla contro l’inno francese, ma un dissenso verso la buffonata a cui ci tocca assistere.
Anzi, a cui non assisteremo.
NOI ENTREREMO NEL NOSTRO SETTORE DOPO L’INNO.
Invitiamo tutto il resto del Palazzo a fare la stessa cosa.
NON SAREMO PARTECIPI DI QUESTA BUFFONATA!!!”

Curva Nord Trieste

(…) La questione dell’inno francese, la reputiamo una cazzata, ipocrita, fuori luogo e non opportuna; pertanto ci comporteremo con assoluta indifferenza perché la cosa nel contesto specifico non ci riguarda. Non attueremo alcuna manifestazione di disturbo ma una totale indifferenza

Curva Sud Brindisi Basket

COMUNICATO UFFICIALE
La “Curva Sud Brindisi Basket” non condivide la scelta della “FIP di far eseguire l’inno nazionale francese prima del prossimo turno di campionato. Pur essendo dispiaciuti per quanto accaduto alla cattedrale di “Notre Dame” che, per fortuna, non ha prodotte vittime, riteniamo tale scelta ” IRRISPETTOSA verso le tante tragedie consumatesi nel nostro Paese e che non hanno “MAI” incontrato la stessa ” SENSIBILITA’”. Non fischieremo l’inno transalpino ma chiediamo ai nostri tifosi presenti sabato a Cremona di entrare solo al termine di questo, intonando l’inno di “Mameli”

Vecchio Stile Virtus Bologna
INNO FRANCESE, NO GRAZIE, TUTTI DI SPALLE!! La lega basket come sempre non perde occasione per decidere e proporre cose insignificanti, infischiandosene bellamente di ciò che davvero le compete.
I vertici di un movimento che ormai è la barzelletta di se stesso! Sempre più club non onorano gli impegni con i loro dipendenti, società che non si sa se finiranno il campionato, rischiando di “falsarlo”, tifo e passione in balia degli eventi: ma a cosa può servire suonare la marsigliese?
Si tratta di un evento che ha fatto parlare il mondo, ma con nessuna vittima e già moltissima solidarietà in opera.
Invece che salire sul carro della demagogia spiccia, sarebbe ora che controllaste la regolarità dei campionati e delle società che vi partecipano, come controllate allo stesso modo le multe insulse che emettete come federazione ogni maledetta domenica, il più delle volte per nulla, se non per la vostra mera cassa.
È per tutto questo che ci gireremo di spalle sulle note della marsigliese, non per manifestare contro l’inno, ma contro di Voi insulsa e inetta Lega pallacanestro.
BASTA PAGLIACCIATE!! Vecchio stile virtus bologna

 

Trinker Ponzone e Vecchia Guardia (Biella) 

Trinker Ponzone e Vecchia Guardia si dissociano dalla decisione della Lega Pallacanestro di far suonare l’inno francese al posto del nostro inno nazionale. La tifoseria organizzata dará le spalle al campo durante l’inno francese intonando al suo termine il nostro inno nazionale. Invitiamo tutte le persone presenti in curva a seguire il nostro esempio e a fare lo stesso.