Home Serie A #LBA2021 – Trento riparte da coach Brienza e dal blocco italiano
#LBA2021 – Trento riparte da coach Brienza e dal blocco italiano

#LBA2021 – Trento riparte da coach Brienza e dal blocco italiano

0

La Dolomiti Energia Trentino è pronta ad una nuova stagione di LBA. Alla guida dei bianconeri ci sarà il ancora il giovane (confermato) Nicola Brienza, alla seconda annata consecutiva con l’Aquila.

Per il terzo anno di fila la Dolomiti Energia sarà impegnata sul doppio fronte LBA-Eurocup e la squadra è stata costruita di conseguenza. Nessun grosso nome ma una squadra ben fatta, completa e soprattutto lunga.

Trento riparte dallo zoccolo duro degli italiani, capitanati dall’ormai leggendario Toto Forray alla decima stagione in bianconero, mentre il reparto americani è stato completamente rifondato.

Obiettivi

I tempi delle due finali scudetti sono ormai alle spalle, così come lo è l’era di coach Maurizio Buscaglia. Coach Brienza ha dimostrato di saperci fare conducendo la propria squadra alle Top16 di Eurocup.

L’obiettivo per la stagione in campionato è la conquista dei Playoff – prima dell’interruzione causa covid-19 il record in campionato era 11-10 – e possibilmente ripetere l’exploit europeo. La concorrenza in LBA è davvero tosta ma con il giusto equilibrio un posto tra le prime 8 non è impossibile per gli uomini di Brienza.

Quintetto base tutto nuovo

Il quintetto della Dolomiti Energia è stato completamente rinnovato: in cabina di regia c’è Gary Browne, play portoricano in arrivo dal Darussafaka Istanbul da cui coach Brienza si aspetta leadership e voglia di migliorare i suoi compagni di squadra. Sarà difficile sostituire nei cuori dei tifosi bianconeri “The Man Of The Steal” Aaron Craft, ma Browne ci proverà senza dubbio alcuno.

Di primissima scelta il reparto esterni con Victor Sanders e Jeremy Morgan. Sanders, classe 1995, arriva dall’ottimo biennio trascorso all’Antwerp Giants di Anversa con cui ha vinto due coppe nazionali e raggiunto la F4 di Champions League con oltre 10 punti di media; Morgan, anch’esso classe 1995, arriva invece a Trento dopo una stagione da protagonista in Germania dove con la maglia dei Merlins Craisheilm ha totalizzato 11.8 punti e 4.1 rimbalzi di media a partita.

In ala-pivot c’è Luke Maye (classe 1997) proveniente dai Wisconsin Herd (G-League) e che disputerà a Trento la prima stagione da pro. Buon giocatore a livello tecnico e tattico, scelto da coach Brienza anche per la mentalità e presenza emotiva.

JaCorey Williams (classe 1996) è il centro titolare; dotato di grandissimo atletismo, arriva dal Paok Salonicco dove ha disputato poche partite prima dell’interruzione causa Covid-19.

Panchina: che profondità

Come si diceva in apertura, la vera forza dell’Aquila è nella profondità della sua panchina.

Ai confermati Davide “Dada” Pascolo, il giovane di mille speranze Andrea Mezzanotte, l’eterno capitan Andrés Pablo, ma per tutti Toto Forray e il pivot Luca Lechthaler, si aggiunge l’esperta ala Kelvin Martin, giocatore in grado di infiammare i tifosi con la sua energia e fisicità.

Chiudono il roster i giovani Luca Conti e Maximilian Ladurner.

Coach e Staff

Salvatore Trainotti (GM)
Nicola Brienza (Head Coach)
Emanuele Molin (Assistant Coach)
Davide Dusmet (Assistant Coach)
Matteo Tovazzi (Preparatore Atletico)