Champions League: un’autorevole Virtus Bologna sbanca Bayreuth 83-93 e accede ai playoff.

L'immagine può contenere: 4 persone

Ottima e solida prestazione in terra tedesca della Segafredo Virtus Bologna che è sempre più protagonista di questa edizione di BCL, sbancato con personalità e carattere l’Oberfrankenhalle, casa del medi Bayreuth, per 83-93 ed infilata la nona vittoria stagionale nella competizione europea. Con quest’affermazione le Vu nere si garantiscono il passaggio del turno alla fase successiva matematicamente e mantengono la testa del gruppo D, approfittando al meglio delle sconfitte di Patrasso e Strasburgo mettendo di fatto le mani sul primo posto a tre giornate dalla fine.
La partita è stata condotta dall’inizio alla fine dalla squadra di coach Stefano Sacripanti, che nonostante l’assenza di David Cournooh ha avuto abbondanza di fatturato dai suoi uomini, soprattutto tra i lunghi, con Qvale, Kravic e Moreira a disposizione, ognuno dei quali ha dato qualcosa alla causa, giocando anche insieme a volte. Tra i meno utilizzati in campionato, buone cose di Alessandro Cappelletti, anche se poi quelli che l’hanno vinta dopo che Bayreuth era rientrata a -5 dal -19 sono stati i soliti: la difesa di Kelvin Martin, l’egregia regia di Tony Taylor (17 e 6 assist), il cecchino Kevin Punter (22 con 5/9 dai 6.75), senza scordare Amath M’Baye (15), autore di canestri decisivi nei momenti cruciali del match. Sofferenza per Aradori (1/8 al tiro) e Pajola, ma in ogni caso può andare bene anche così per la Virtus Bologna. Ai padroni di casa del Bayreuth non bastano i 17 di Adonis Thomas e 16 di De’Mon Brooks. 13 e 4 rimbalzi per l’ex bresciano Eric Mika.