fbpx
Home Coppe Europee EuroLeague EuroLeague – Khimki sempre più a fondo, il Baskonia di Polonara lo abbatte facilmente
Achille Polonara - ACB Photo/M. Henríquez EuroLeague – Khimki sempre più a fondo, il Baskonia di Polonara lo abbatte facilmente

EuroLeague – Khimki sempre più a fondo, il Baskonia di Polonara lo abbatte facilmente

0

Per il 25° round della Turkish Airlines EuroLeague 2020-2021, alla Mytišči Arena di Mosca si sono incontrate Khimki Moscow Regione e Baskonia.

Vittoria andata, come pronostico, al Baskonia di Achille Polonara per 67-89 .

La compagine allenata da Dusko Ivanovic continua così la rincorsa per un posto ai playoff della competizione europea (12-13 di record) e che torna a sorridere dopo la semifinale persa in Copa del Rey contro il Barcelona.

Il Khimki Mosca deve invece contemplare la sua 16° sconfitta consecutiva, un 2-22 di record veramente agghiacciante per un ultimissimo posto in classifica.

Il match di Achille Polonara è stato pienamente a servizio dei compagni e della squadra soprattutto nella prima parte di gara. 27′ sul parquet con 7 punti (2/5 da due, 1/3 da tre e 0/2 ai liberi), 9 rimbalzi, 2 assist, 1 stoppata, ma anche 2 perse.

Sulla partita, poco da dire: il Khimki non è mai stato avanti nel match e ha sofferto a rimbalzo venendo alla fine doppiata dal Baskonia (24-48 nella statistica)  con un dominante Youssoupha Fall da 14 e 9 rimbalzi in soli 19′ sul parquet. Oltre ciò, un 13/24 nelle conclusioni da lontano della squadra basca e ben 28 assistenze e ben sette uomini in doppia cifra. Al Khimki non è sufficiente la doppia-doppia di Alexey Shved da 16 e 10 assist e i 13 di Jordan Mickey.

Cronaca del match:

Partenza a razzo del Baskonia per lo 0-9 dopo 3′, il Khimki riduce il gap per l’8-12 al 6′ con un ispiratissimo Alexey Shved. I padroni di casa si portano sul -2, ma le triple di Zoran Dragic e Alec Peters aprono la scatola russa per il nuovo strappo sul 14-22 al 9′, time-out di coach Andrey Maltsev. Il canestro di Zoran Dragic chiude il primo quarto a favore del Baskonia sul 14-24.

Secondo quarto, è ancora +10 Baskonia con il canestro dopo rimbalzo offensivo di Polonara (19-29 al 12′), ma il Khimki si aggrappa alle qualità offensive di Alexey Shved per tornare sul -2, 32-34 al 15′. Gli ospiti sbagliano troppo tra palle perse e difesa morbida che permette al Khimki di tornare sotto a -1 al 17′ sul 35-36, time-out Ivanovic. Con il rientro in campo di Polonara e con più attenzione richiesta da coach Ivanovic, il Baskonia con il tonnellaggio di Youssoupha Fall scappa sul +10 di fine primo tempo, è 37-47 all’intervallo.


Si rientra in campo, Giedraitis e Sedekerskis con le triple danno il +13 ospite. Ma la compagine russa resta dentro il match con la tripla di Monya e Jordan Mickey, 49-58 dopo 26′. Il Khimki soffre tantissimo a rimbalzo concedendo tantissime seconde opportunità al Baskonia, e intanto Alexey Shved commette il suo 4° fallo personale. E seppur Polonara sbagli due conclusioni a gioco fermo, la tripla di Zoran Dragic riporta sulla doppia cifra di vantaggio il Baskonia, 55-66 al 29′. Terzo periodo che si chiude sul 57-71 in favore del Baskonia.

Ultimo quarto: rientra Shved pur carico di 4 penalità, e il Khimki ne beneficia ben poco: il Baskonia domina a rimbalzo e la tripla di Giedraitis punisce la difesa morbida dei russi dando il +19 a 6’08”, 63-82 a 4’49” dalla fine dopo il canestro pesante di Luca Vildoza. Il Khimki si arrende, è garbage time e il match finisce 67-89.