fbpx

EL, Banchi: “Sconfitta difficile da sopportare, rimaniamo uniti” Melli: “Ho perso il controllo”

daniel hackett, milano

Facce completamente scure, come era lecito attendersi, al termine dell’incredibile sconfitta maturata nel finale di gara per tutto l’ambiente ‘Olimpia Milano, che si è vista soffiare da sotto il naso una vittoria ormai già pregustata. Merito del Maccabi, ma anche demerito di MIlano, ed a commentare il pazzo andamento del match spetta a coach e giocatori, alcuni finiti sul banco degli imputati.

Tramite olimpiablog, raccogliamo le impressioni dei protagonisti a fine gara. Coach Luca Banchi: “L’epilogo di questa partita non rende giustizia all’attenzione ed alla dedizione messa dalla squadra. Dobbiamo commentare una sconfitta molto difficile da sopportare ma siamo messi alla prova una volta di più, nella capacità di accelerare i nostri processi di crescita, di comprensione, di gioco e situazioni. Per lunghi tratti l’abbiamo controllata, colpendo con precisione in attacco e con una difesa attenta. Poi è arrivato quel finale: tanti errori hanno reso possibile, quello che non sembrava esserlo, cioè la rimonta del Maccabi. Abbiamo avuto anche il tiro libero per vincere a 7 decimi dalla fine e non siamo stati capaci di realizzarlo nemmeno in quel frangente. E’ una sconfitta molto particolare da commentare.”

Suo malgrado, uno dei protagonisti in negativo di quel tanto vituperato finale di match, è stato Nicolò Melli, fin lì autore di una prova impeccabile, ma che con un fallo antisportivo ha compromesso l’andamento della partita: “Ad un certo punto ho perso completamente il controllo. Ovviamente a posteriori non ci sarei andato su quel pallone, magari non ero convintissimo. Adesso l’arrabbiatura e la delusione è talmente tanta per pensare positivo. Ma bisogna farlo”. Infine a parlare è Gani Lawal, decisamente positivo nei minuti in cui è stato chiamato in causa: “E’ dura, ma dobbiamo cancellare quello è successo dalla nostra mente e pensare a gara 2. Loro sono una grande squadra, non sarà facile, ma possiamo farcela. Dobbiamo pensare positivo e giocare con grande energia. Oggi abbiamo perso una partita, non la serie”. Ora dobbiamo restare uniti e chiedo grande sostegno, perché la prossima gara sarà ancora più dura dal punto di vista emotivo”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *