A2-EST: UDINE, A MONTEGRANARO LA PRIMA DI COACH MARTELOSSI

Nella 18esima giornata del campionato di A2, Montegranaro, al momento al terzo posto a quota 26 punti, ospita una GSA “rinnovata”; match fondamentale per i marchigiani, che con una vittoria accorcerebbero la classifica nei confronti di Bologna e Treviso, che alle 12.00 di Domenica si vedranno proprio opporsi.

 

Montegranaro si presenta a questo incontro nelle migliori condizioni; 5 vittorie nelle ultime 5 partite, terzo posto in classifica e nessun infortunato; nelle ultime partite la squadra esprime un ottimo gioca, trascinata dai suoi americani, Corbett e Simmons (rispettivamente 18 e 13 punti per “allacciata di scarpe”).

 

Udine ha invece in settimana cambiato allenatore: Alberto Martelossi ha infatti preso il posto di Demis Cavina, ed approccerà alla gara con pochi allenamenti assieme alla sua nuova squadra. L’unico assente tra i friulani è Marshawn Powell, che una settimana fa è stato operato al ginocchio, e potrà tornare operativo tra un mese circa.

 

Ciò che più spaventa il (nuovo) coach di Udine, come dichiarato nella consueta intervista prematch, è la solidità di Montegranaro, da lui definita, per l’appunto, come la squadra più “solida” del campionato. Ha inoltre posto attenzione su come “durante la singola partita i marchigiani attraversano dei momenti bui, ma sono capaci di chiuderla sempre quando conta puntando su riferimenti precisi”.

 

Se Udine riuscirà quindi a gestire le energie, e farsi trovare pronta nel finale di gara, come richiesto esplicitamente dal coach, avrà senza dubbio ottime chance per agguantare la vittoria.

 

All’andata finì 68-79 per i marchigiani (Corbett 23), gli unici, per ora, ad essere usciti vittoriosi dal Carnera di Udine in questa stagione. Ci aspetta sicuramente una sfida combattuta, che si potrà decidere negli ultimi possessi.