fbpx

Montegranaro – Roma in count-down! Hosley è già al top, Cinciarini si spegne sul più bello

 Presentazione Montegranaro

 Roma parte da dove aveva lasciato. Per Montegranaro piccoli errori ma decisivi

Tutti i numeri e le curiosità della prima gara di campionato raccontate da BasketItaly, come sempre, in countdown!

 

10 a Quinton Hosley, dopo una partenza fulminante con 11 punti nei primi 10′ si è messo al servizio della squadra, visto anche che ieri sera il tiro dalla lunga distanza sembrava non volesse entrare (2/7 per un 29%), chiude la gara con 19 punti, 7 rimbalzi e 6 assist. Bentornato!

9 a Phil Goss, il comandante silenzioso della formazione romana è rimasto silente per 3 quarti, prendendosi pochi tiri e sembrando quasi avulso dal gioco di Dalmonte. Ma nel momento più importante, quando Montegranaro stava per compiere il sorpasso decisivo, ha preso la squadra sulle spalle e segnando 11 punti negli ultimi minuti è risultato decisivo. Mamba!

 

8 a Nicola Albertani per aver costruito anche quest’anno una gran bella squadra. Nella capitale i supporters giallorossi continueranno a divertirsi tra le schiacciate di Hosley, Mbakwe e Eziukwu o le giocate da funamboli dei ‘vecchi’ Goss, Taylor e D’Ercole. Ora l’obiettivo è far bene in europa, ma i presupposti ci sono tutti! Promosso

 

7 a Luca Dalmonte. In sala stampa, prima di iniziare a parlare del match, ha voluto sottolineare l’emozione che ha provato prima della palla a due. Quello che si è visto in campo deve aver fatto piacere al centinaio di tifosi giunti da Roma e farà spellare le mani ai capitolini che seguiranno le gesta di Taylor e compagni. Nonostante il lavoro in preparazione iniziato in ritardo, i primi risultati già si vedono, e la squadra, non può che crescere. Condottiero

 

6 sono i punti messi a segno da Lorenzo D’Ercole, ma il giovane talento merita almeno un 8 per la sua prestazione. In questa occasione non si è distinto per le triple ‘ignoranti’ per le quali si è fatto conoscere al grande pubblico (anche se ne ha piazzate 2 su 4 tentativi), ma si è fatto notare per la sua difesa asfissiante su Josh Mayo e Daniele Cinciarini nel secondo tempo. Il primo ha rallentato la sua produzione offensiva stellare mostrata nel primo tempo, il secondo si è innervosito per le difficoltà incontrate e si è beccato anche un tecnico. Roccioso

 

5 i rimbalzi di Jamie Skeen. Qualcuno l’ha definito una guardi con il corpo di un lungo. Recalcati l’ha voluto in estate per la sua atipicità, ma sotto canestro, ancora, deve crescere. L’anno scorso aveva giocato sempre da ala forte, e l’abitudine lo spinge spesso ad allontanarsi dal pitturato. Ma il lavoro in palestra potrà farlo diventare un elemento fondamentale per la Sutor, perché la mano è educatissima e i movimenti spalle a canestro non mancano. Rimandato

 

4 sono i punti della panchina di Montegranaro. Pochi, pochissimi se si vuole vincere contro una squadra forte come Roma. Tra Lauwers, Mazzola e Derrick l’unico positivo è stato l’italiano, che anche non avendo prodotto molto dalla metà campo offensiva (4 punti per lui) ha dato una grossa mano con dei raddoppi in difesa che hanno permesso di rientrare nel terzo quarto. Per gli altri due le attenuanti ci sono tutte, ma urge un pronto riscatto per domenica nella laguna. Sottotono

 

3 punti hanno messo a segno Alex Righetti e Michal Ignerski, gli ultimi arrivati in casa Virtus. Gli errori da parte loro ci sono stati, è innegabile, ma per una stagione lunga e piena d’impegni come quella che ha davanti Roma il loro apporto, aspettando il passaporto di Bobby Jones sarà importantissimo. Comprimari

 

2 assist sono quelli serviti da Sakic nel corso di una prestazione a tutto tondo. Il croato ha chiuso con 18 punti frutto di un 6 su 14 al tiro e 5 su 8 ai liberi, 7 rimbalzi dei quali 4 offensivi, 8 falli subiti per 22 di valutazione. Nel corso della presentazione della squadra Recalcati ha sottolineato che nelle sue squadre i croati sono stati sempre importanti per raggiungere dei buoni risultati, e se Zeliko vorrà mantenere questa buona tradizione dovrà cercare di essere sicuramente più preciso al tiro (lunetta compresa), e smorzare il suo carattere focoso che in dei frangenti lo penalizza. Tuttofare

 

1 fallo tecnico fischiato a Mazzola nel primo tempo, per la nuova regola introdotta che non permette ai giocatori, una volta segnato un canestro di prendere il pallone e ridarlo agli arbitri. Siamo sicuri che la prossima volta Valerio ci ripenserà due volte. Sorpresa

 

0 alibi avranno i tifosi di Montegranaro assenti ieri al Pala Savelli per recuperare il fatto di non esser stati presenti e non aver sottoscritto l’abbonamento. La squadra c’è, l’ambiente è tornato carico e caldo. Come recita lo slogan dell’ufficio marketing gialloblù: #metticilemani il divertimento è assicurato! 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *