Vanoli Cremona; buono il primo test

E’ iniziata ieri sera, nell’ultimo giorno di ritiro a Carisolo, la marcia di avvicinamento al campionato che prenderà il via a fine mese; per la Guerino Vanoli, dunque, buona la prima uscita amichevole, anche se l’avversario era di Legadue, Trento, e il risultato finale, 65-56 per i biancoblu, in questo caso sia l’ultimo ad essere guardato. Oltretutto le due squadre non erano al completo, per diverse defezioni; la prima sgambata dei cremonesi, dunque, porta in dote segnali positivi. COme detto il risultato conta poco, ma vincere, specie in questo momento della preparazione quando i carichi sono maggiori, aiuta a sopportare meglio lo sforzo, entrando in palestra con un sorriso: il primo obiettivo, invece, era evitare banali infortuni e capire a che punto fosse la squadra dopo due settimane dall’inizio della preparazione pre-campionato.

Indicazioni positive sono giunte a coach Attilio Caja, anche se il quintetto base era privo di due elementi fondamentali come Huff e Kotti, impegnati nelle qualificazioni agli Europei fino a metà mese.
Da oggi la Vanoli Cremona è tornata in pianura, e nel giro di dieci giorni dovrà affrontare ben tre amichevoli, con crescente livello di difficoltà; il prossimo incontro dei Caja Boys sarà il giorno 5 settembre, quando a San Bonifacio, sarà la Tezenis Verona l’avversario di turno. Il test, però, più affascinante e difficile, sarà nel week end dell’8-9, quando è in calendario il consueto Trofeo Lombardia (che in questa edizione ha poco di “lombardo”) a Desio dove l’avversario, in semifinale, della Vanoli, sarà niente di meno che il Cska Mosca di Ettore Messina, vice campione d’Europa. Un test davvero probante, che testerà il livello generale della squadra dopo un’altra decina di giorni di carichi ed allenamenti. Le altre due sfidanti saranno la Cimberio Varese e l’Angelico Biella, avversari dei nostri ragazzi nel prossimo campionato. Carne al fuoco, per i prossimi giorni, ce n’è tanta: Cremona ha iniziato con il piede giusto la fase di avvicinamento al 30 settembre, data dalla quale non ci si potrà più permettere di commettere errori.