Pesaro ritrova il successo, superata in casa la Red October Cantù

jarrod jones pesaro 2017-01-03

Sfuma la possibilità di trovare la seconda vittoria consecutiva dopo il successo nel derby contro la Germani Basket Brescia perdendo 78-73 sul parquet dell’AdriaticArena. Gli uomini di Bolshakov erano riusciti a trovare e mantenere un vantaggio di 7 punti bruciato dal parziale di 7-0 di Pesaro che in un amen ha rimontato poi Brandon Fields ha piegato la difesa canturina riportando i padroni di casa in vantaggio. Pesaro è riuscita a vincere mandando a referto solo 6 giocatori e solo 4 di questi hanno raggiunto la doppia cifra di realizzazione. Buona la prestazione di Nnoko che ai 12 punti unisce 10 rimbalzi (di cui 3 offensivi). Per Cantù non sono bastati i ben 22 punti e 9 rimbalzi di Johnson. Pesaro torna alla vittoria dopo la sconfitta subita contro Torino e con la sconfitta di Cremona si allontana dall’ultimo posto in classifica.
Cronaca: Un buon inizio di Cantù produce un parziale di 5-0 firmato da Johnson e Calathes ma Pesaro non si fa distrarre e ribalta il risultato superando i lombardi e raddoppiando i punti di Cantù (10-5). Una tripla di Dowdell riduce lo scarto. Pesaro allunga sul +6 (17-11) a due minuti dal fischio della prima sirena con due canestri consecutivi di Fields. Bolshakov inserisce Acker che piazza subito un canestro per iniziare la rimonta ma Thornton realizza una tripla che rimanda Cantù a -7 (13-20) tenendolo fino alla sirena del primo quarto. Cantù nel secondo quarto rimonta e raggiunge il pareggio a quota 26 con due liberi di Johnson e successivamente arriva il sorpasso con la tripla di Dowdell (26-29). Da quel momento Cantù si allontana fino al 34-41 con cui si chiude la prima metà di gara trascinata dai 12 punti di Johnson, limitato dai 3 falli, e dal 7/12 da tre a cui si unisce anche Callahan al primo ingresso in campo dal derby contro Milano. Il terzo quarto inizia molto male per gli uomini di Bolshakov che si vedono rimontare tutto il vantaggio costruito nella frazione precedente subendo un parziale di 7-0 costringendo il coach ucraino a interrompere il momento di Pesaro con un time out. I padroni di casa ritrovano così il vantaggio che viene però colmato dalle giocate di Acker che permettono agli inseguitori di arrivare al pareggio a quota 53 a un minuto e mezzo dall’ultima interruzione. Ad inizio dell’ultima frazione arriva il buon momento di Jasaitis che realizza tre canestri di fila e aiuta i marchigiani ad allontanarsi da Cantù di 5 punti (65-60). Dowdell cerca di ridurre ma Nnoko annulla tutto e il punteggio rimane fissato sul 67-62 per un minuto. Negli ultimi due minuti Jones trova una fortunosa tripla che regala il +7 ai suoi, la successiva tripla di Johnson viene vanificata da Thornton che trova penetra tra le maglie blu di Cantù riportando Pesaro a +5. Nell’ultimo minuto Cantù ferma ripetutamente il cronometro mandando Pesaro in lunetta ma gli uomini di Bucchi non sbagliano e tengono il vantaggio sui 5 punti fino alla fine del match.
MVP Basketitaly.it: Il migliore in campo è Jones della Consultinvest Pesaro che ha flirtato con la doppia doppia da 19 punti (5/12 dal campo, 6/7 ai liberi) e 9 rimbalzi. Sua è la tripla che a poco più di un minuto e mezzo dalla sirena finale crea il solco decisivo dagli avversari.
Tabellino:
Pesaro: Fields 19, Crescenzi, Gazzotti, Cassese, Thornton 17, Jasaitis 9, Ceron 2, Bocconcelli, Jones 19, Serpilli, Nnoko 12, Zavackas, All. Bucchi
Cantù: Maresca, Acker 11, Cournooh 6, Baparapè, Parrillo, Pilepic, Calathes 10, Callahan 5, Darden 11, Dowdell 8, Quaglia, Johnson 22, Slokar, All. Bolshakov
Pesaro-Cantù 78-73 (22-15, 34-41, 57-56, 78-73)