L’Olimpia con Bourousis doma i Leoni di S.Marco

Milano agguanta la vittoria contro una Venezia che resta concentrata fino alla fine e arriva fino a far paura ad un Armani che è pericolosamente abituata a farsi rimontare sui finali. Questa volta però regge bene psicologicamente, anche se sbaglia troppi tiri liberi, ma riesce comunque a chiudere un match largamente dominato per tre quarti. Milano trova un Bourousis versione superstar, fa di tutto segna da sotto, da fuori, strappa rimbalzi e muove la difesa  (finale 27 punti  e 12 rimbalzi), ma l’Armani gioca bene con tutti i suoi e Venezia fatica da subito a restare attaccata, ritrova solo nell’ultimo quarto le energie per mettere in difficoltà gli avversari ma non basta.

Primo quarto, apre le danze Cook che segna i primi tre per Milano, un energico Mancinelli recupera un fallo e poi comincia Buorousis con un canestro in acrobazia più fallo poi una tripla ma non solo, chiuderà il quarto già in doppia cifra a 11. L’Umana prova a reagire ma l’EA7 sega con tutti e chiude la prima frazione avanti di 16  (27 -11). Si riparte con l’Armani ancora in fiducia e Venezia che prova a rimanere attaccata. Anche se Slay e Clark trovano qualche punto i veneti riescono solo a recuperare un punto ai milanesi chiudendo la prima metà sotto di 15.(43 – 28)

Alla ripresa Milano vuole riprendere il controllo del match  e allunga fino al più 19 ma Venezia alza l’intensità difensiva e riesce a ricucire con un parziale di 6 a 0 chiuso con un canestro di Bryan. I lagunari accorciano fino al meno 8 ma una tripla di Bremer allo scadere dei 24 ristabilisce le distanza chiudendo il quarto con i milanesi ancora a più 11. (60 – 49). Ultimo quarto e con Slay e Young Venezia riprende fiducia anche a causa di una Milano che fatica con Rocca in campo. I veneti si riavvicinano pericolosamente ma l’EA7 reagisce e respinge i tentativi di rimonta degli avversari arrivando agli ultimi minuti con  un margine di 9 punti con il quale chiuderà la partita. (79 – 70)

Milano si prende con forza due punti che la rilanciano alla caccia del secondo posto, e vince anche il secondo incontro con una potenziale competitrice nell’eventuale classifica avulsa, gioca trè ottimi quarti, perde concentrazione ancora una volta ma si riprende bene, sbaglia un po’ troppi liberi ma riesce a non farne un grosso problema. Venezia subisce uno scarto difficile da recuperare ma ci prova fino in fondo e rosicchia punto dopo punto fino a diventar pericolosa salvo subire la reazione finale dei milanesi che si riprendo il match.

EA7 Milano – Umana Venezia 79-70 (27-11, 43-28, 60-49)

Milano: Bourissis 27, Mancinelli 12, Cook 10, Hairston 7, Bremer 6, Fotsis 6, Gentile 5, Radosevic 2, Rocca 2, Melli 2,
Venezia: Szewczyk 17, Slay 14, Youn 14, Clark 8, Bryan 6, Bowers 5, Meini 3, Fantoni 2, Rosselli 1,

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata