L’EA7 sbanca Siena dopo 9 anni! L’inizio della svolta?

 

Milano espugna il Palaestra dopo 9 anni per 71-66 dopo una gara che, nonostante sia stata condotta per tutto il tempo, ha visto Siena non mollare mai fino all’ultimo possesso.

 

La cronaca: Banchi schiera a sorpresa Hackett in quintetto per dare forza alla fase difensiva ma l’inizio è a ritmi bassi con tanti errori da una parte e dall’altra. Cook fa capire di essere in serata al tiro portando Milano avanti 12-9 con Siena che si trova subito Moss con 2 falli a carico. Senza Moss la difesa perde molto e l’Olimpia prova a scappare sul 21-16 nel primo quarto. Brown guida l’attacco dei suoi ma nel secondo quarto Siena fa estremamente fatica a segnare e Milano allunga sul 39-26 nonostante un’ottimo Sanikidze. Siena nel 3 quarto si conferma Brown-dipendente ma oltre ai punti accumula anche palle perse (saranno 7 a fine partita) ma un momento confusionario di Milano fa rientrare Siena fino al -7 a cui però rispondono subito Hendrix e Hairston dominando a rimbalzo offensivo. A cavallo tra il terzo e il quarto quarto inizia lo show di Alessandro Gentile che colleziona giocate splendide tenendo l’Olimpia davanti nonostante una Siena in ripresa. A 2 minuti dalla fine Milano conduce di 9 punti ma Siena si fa pericolosamente sotto complice una scivolata di Cook (o forse uno sgambetto di Hackett non fischiato) che concede 2 liberi al giocatore della nazionale ed è -4 a 23 secondi dalla fine. Brown sbaglia l’appoggio del -1 e Cook chiude dalla lunetta sul 71-66

Milano vince una partita condotta dall’inizio alla fine nonostante qualche brivido di troppo nel finale. Una considerazione rilevante è sicuramente una: la miglior prestazione difensiva in campionato (in particolare la difesa nel secondo quarto) coincide con il miglior Hendrix della stagione. Un caso? Probabilmente no, Hendrix è stato preso proprio per dare la qualità difensiva che Bourousis non possiede, e anche la capacità di andare a rimbalzo in attacco. Altro fatto interessante è l’atteggiamento di Gentile che col suo talento guida la squadra nel 3 quarto e nei momenti di difficoltà. Prima prova stagionale convincente per il giovane italiano che contro Siena ha sempre qualche motivazione in più che lo fanno rendere ottimamente. Ci auguriamo che questa grinta e questa voglia si confermino anche nelle prossime partite. Altra ottima cosa è sicuramente il dominio a rimbalzo, vinto 38-28, cosa inusuale in questa stagione ma resa possibile dall’ottimo lavoro di Fotsis, Hendrix e Langford con 7 rimbalzi a testa. Nota stonata è invece Rok Stipcevic. Il play croato convince sempre meno e non sembra godere della fiducia di Scariolo visti i soli 2 minuti in campo, che sia vicino un intervento sul mercato? Le voci riguardano il veterano Papaloukas e Jaka Lakovic attualmente al Galatasaray.

Vittoria importante anche per la situazione di Sergio Scariolo, apparso in bilico la scorsa settimana, complici anche le voci riguardo un contratto con Obradovic. Gestione perfetta oggi del coach che ruota gli uomini ottimamente e da fiducia a un Hendrix finalmente ritrovato. Vittoria che aiuta molto anche il morale e il gruppo che può sfruttare l’entusiasmo per compattarsi e affrontare con grinta i campioni d’Europa dell’Olympiakos che arriveranno al Forum giovedi. I problemi di fondo non si risolvono in una partita ma questa sicuramente può servire come primo passo.

Siena invece si conferma estremamente indebolita rispetto alle scorse stagione ma soprattutto nei momenti chiave risulta Brown-dipendente come dimostrato nella partita di stasera quando nei momenti difficili solo Brown sembrava cercare di crearsi un tiro da solo. Tuttavia si dimostra una squadra tosta mentalmente in grado di non mollare mai e cercare il colpaccio nel finale grazie alle prove difensive di Hackett e Moss (anche se spesso alle limite del fallo).

Tanto da lavorare per Siena ma anche per l’Olimpia che non deve accontentarsi della vittoria ma sapersi rilanciare con entusiasmo nelle prossime partite, sia in Europa contro l’Olympiakos (dove ci si gioca molto della stagione europea) e in campionato domenica contro Venezia, dove serve la vittoria per continuare a scalare la classifica.

Ecco invece le dichiarazioni post-partita di Alessando Gentile: “Ha un sapore speciale per noi aver vinto dopo nove anni a Siena, anche se è solo una partita di campionato per noi contro Siena sono sempre partite particolari per la grande rivalità tra le due squadre negli ultimi anni. Siamo una squadra composta da tutti grandi giocatori, quindi ognuno di noi può prendersi le proprie responsabilità secondo i momenti della partita. Già a Kaunas avevamo mostrato un atteggiamento positivo siamo un grande gruppo siamo in crescita, per noi la vittoria di questa sera deve essere un importante punto di partenza per il resto della stagione. Questa vittoria ci deve dare grande fiducia e voglia di fare sempre meglio nelle prossime gare. “

MONTEPASCHI SIENA: Kasun 3, Brown 26, Carraretto, Rasic, Kangur 3, Sanikidze 9, Ress 4, Lechthaler NE, Kemp 2, Papi NE, Hackett 13, Moss 6

EA7 MILANO: Giachetti NE, Stipcevic, Hairston 12, Fotsis 8, Cook 11, Chiotti NE, Bourousis 5, Melli 4, Langfrod 10, Gentile 13, Hendrix 8, Basile NE

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata