Brindisi-Cremona: Le dichiarazioni del post gara. Caja: “La partita l’ha spaccata Gibson”.

E’ un coach Caja deluso quello che si presenta in sala stampa a Brindisi, dopo la sconfitta subita sul campo: “La partita ce l’ha spaccata completamente Gibson nel primo tempo con dei canestri di notevole difficoltà; ha finito la partita con 8/11 al tiro, ma già nel primo tempo era a 7/8 ed era un risultato eloquente, ma è tutto merito suo, perchè poi noi siamo riusciti con la nostra difesa, a fermare gli altri giocatori. Tenere una squadra come Brindisi a 78 punti, con il loro grande talento che hanno, in casa, per noi è motivo di soddisfazione difensivamente; purtroppo per noi abbiamo pagato caro il primo tempo dove abbiamo avuto pessime percentuali e averlo chiuso con il 33% ci ha condizionato molto; quel break subito nel primo tempo,

purtroppo, ci è costato alla fine. La squadra ha lottato sempre, combattuto con grande coraggio, ci ha creduto e quindi non ho assolutamente niente da dire ai miei giocatori. Peccato per quelle brutte percentuali nel primo tempo, arrivate con tiri anche ben costruiti; abbiamo solo sbagliato il canestro finale. Non abbiamo avuto niente dalla panchina ed il dato è eloquente; 66 punti dal quintetto, solo 3 dalla panchina e questo è un problema per noi, perchè la loro panchina ha fatto 32 punti”.

Visibilmente più soddisfatto, coach Piero Bucchi, che porta a casa i primi due punti della stagione dell’Enel: “Era importante vincere la partita perchè avevamo bisogno dei due punti e li volevamo assolutamente. Si vede che la squadra sta migliorando, ma nell’arco della partita ci sono ancora degli alti e bassi che dobbiamo cercare di limare perchè capita che facciamo un ottimo blocco in difesa, e la successiva azione, invece, facciamo una pessima difesa. La strada mi sembra quella giusta, però dobbiamo trovare continuità nell’arco dei quaranta minuti. Nelle ultime due settimane abbiamo lavorato bene, a parte 3-4 giorni in cui ci siamo ritrovati con un paio di infortuni; dobbiamo riuscire a trovare continuità e una mentalità che deve essere costante perchè abbiamo degli sprazzi di gioco veramente buoni, e altri nei quali, con due palle perse oppure con delle sciocchezze in difesa, diamo la possibilità agli altri di rientrare in partita. Nel complesso, però, abbiamo fatto una buona gara; credo, però, che dovremo avere la volontà di difendere meglio, con maggiore intensità perchè abbiamo concesso 27 punti nel primo tempo a Cremona, soffrendo un pò nel terzo quarto, prima di tornare a macinare nell’ultimo periodo, in difesa. Questa partita ci deve insegnare, visto che siamo una squadra molto giovane, che dobbiamo imparare a costruire e poi a non dilapidare quanto fatto. Fortunatamente le cose fatte bene sono superiori a quelle sbagliate, per cui abbiamo portato a casa la partita con merito. Siamo ben contenti di questa vittoria, che ci permette di lavorare con più serenità per le prossime gare”.

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata