Virtus Roma: contro Montegranaro si cerca il riscatto

“Guardiamoci le spalle in modo da prendere coscienza dei rischi. La classifica è complicata, le aspettative erano ben altre. I Play-off? Vedremo, ma sarà molto difficile raggiungerli”.

Queste le parole di coach Calvani rilasciate non più di una settimana fa a Radio Sportiva. Parole che non hanno bisogno di essere decriptate: quello di domenica tra Roma e Montegranaro è un vero e proprio scontro salvezza. Del resto la classifica parla chiaro: entrambi i roster sono appaiati a quota 14 punti, a più due su Casale e Cremona, ultime in classifica, e a meno 6 dai play-off. Domenica al Pala Tiziano si confronteranno due squadre dall’opposto stato di salute. Montegranaro infatti è reduce da tre vittorie nella ultime quattro partite: due punti raccolti con Caserta, Cantù e Varese e unica sconfitta quella rimediata al Pala Del Mauro di Avellino contro la Scandone. La Virtus è reduce invece da quattro perse (di cui tre consecutive) nelle ultime cinque: unica vittoria quella colta a Casale (93-92).

 

Montegranaro scenderà nella capitale al gran completo ma tra qualche polemica. Sotto tiro son finite le prestazioni della guardia Jerel McNeal. Lo statunitense fino ad ora ha raccolto cifre tutt’altro che lusinghiere: 37.1 da due, 25.7 da tre per una media di 9,2 punti e un complessivo 5,2 di valutazione. Da un americano ci si aspetterebbe ben altro. E’ fuor di dubbio che le performance del roster marchigiano dipendono in gran parte dall’asse Zoroski- Ivanov e dal contributo che potranno dare dalla panchina gli ex azzurri Antonutti e Di Bella e il giovane Mazzola, che sta avendo molto più spazio dopo la partenza di Brunner.

Roma invece vedrà l’esordio in panchina del neo-coach Calvani, chiamato a sostituire l’esonerato Lardo, e del lungo ex Pistoia Varnado. Saranno probabilmente dell’incontro anche Crosariol e capitan Tonolli che, provati nell’amichevole di giovedi scorso contro S.Antimo, sembrano aver recuperato dai rispettivi infortuni. Per la Virtus fondamentale sarà l’apporto dell’ex Barcellona Dedovic, giocatore dalle altalenanti prestazioni ma capace, se in giornata, di cambiare il volto di una partita. Decisivo sarà senz’altro l’ex Real Madrid Clay Tucker, capocannoniere dei giallo-rossi ma reduce dalla deludente prestazione di Biella (1/7 complessivo al tiro). Per quanto concerne la batteria dei lunghi occhio a Kakiouzis e Slokar. Il greco nella sua avventura all’ombra del colosseo ha raccolto cifre piuttosto interessanti (11.5 punti di media e un discreto 42.9% da tre). L’ex Benetton invece, dopo un’ inizio abbastanza problematico nel quale ha collezionato più critiche che plausi, nelle ultime quattro partite ha fatto intravedere buone cose e sta viaggiando a quasi 17 punti di media.

Chiave del match: Brunner è ormai un ricordo, partito per la Brianza, destinazione Cantù. Crosariol e Tonolli faranno probabilmente parte della contesa. Varnado, re delle stoppate, potrà dare una mano, soprattutto se farà vedere ciò che di buono ha dimostrato l’anno scorso in Legadue. La battaglia sotto le plance potrebbe risultare decisiva.

Arbitreranno l’incontro i signori Paternicò, Tola e Capurro.

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata