L’Italia concede il bis: anche la Repubblica Ceca va al tappeto

In una partita francamente poco bella da vedere, l’Italia, sbancando il catino di Chomutov, riesce a conquistare due punti preziosissimi ai fini della qualificazione e si porta a quota 4 punti in testa al proprio girone di qualificazione. Una buona (ma non buonissima) Italia ha il merito di non disunirsi dopo il discreto inizio dei padroni di casa e di riuscire ad amministrare senza grossi patemi il vantaggio accumulato durante i quarti centrali. La mano di Pianigiani si vede e ne sono la dimostrazione i soli 45 punti subiti dal Portogallo e i 53 incassati dalla Repubblica Ceca. Ora la prova del nove contro i più quotati turchi.

Ai cechi non bastano i 14 punti di Houska e 10 di Benda. Per l’Italia in doppia cifra Gallinari con 13 punti (+7 rimbalzi) e Chiotti con 10 (+6 rimbalzi in soli 15’).

La cronaca. Pianigiani tiene fuori Viggiano per Chiotti tra i passaportati e schiera in quintetto Cinciarini, Aradori, Datome, Mancinelli e Cusin. La Repubblica Ceca risponde con Benda, Satorasky, Barton, Jelinek e Licartovsky.

I padroni di casa partono forte ed è subito 6 a 0. L’Italia però prima si riavvicina grazie ad Aradori e Cinciarini (12-10), poi trova il primo vantaggio grazie ad una tripla di Mancinelli (20-21 all’11’). Nella seconda metà della seconda frazione i cechi perdono la bussola e gli azzurri ne approfittano: una tripla di Cavaliero e due canestri, uno di Cianciarini e uno di Datome, fanno raggiungere il +10 (23-33 al 18’). Gli ultimi secondi prima del riposo lungo però consentono alla Repubblica Ceca di rosicchiare qualcosa e andare negli spogliatoi sul 29-35.

Il terzo quarto inizia con le polveri bagnate da una parte e dall’altra e per i primi 4’ non si segna, poi Gallinari sale in cattedra e prima mette la tripla che rompe il ghiaccio (29-38 al 14’) poi fa 1/2 ai liberi e regala ancora la doppia cifra di vantaggio (29-39 al 15’). Nella terza frazione l’Italia raccoglie molti rimbalzi d’attacco ma non concretizza i numerosi secondi possessi e, complice anche una bassissima percentuale ai liberi (concluderà con un rivedibile 11/19) consente ai padroni di casa di riaccorciare leggermente (37 a 44 al 30’). I cechi non mollano e con due canestri consecutivi, uno di Jelinek e uno di Barton riescono a tornare sul -6 (42-48 al 34’), ma immediatamente Hackett (penetrazione) e Mancinelli (semigancio mancino) riportano l’Italia sull’ennesimo +10 (42-52 al 35’). Negli ultimi 5’ del match l’Italia amministra in scioltezza il vantaggio e si impone per 63 a 53.

Appuntamento a martedì 21, a Sassari, contro la Turchia che nel pomeriggio ha battuto con qualche patema di troppo la Bielorussia per 77 a 74.

Classifica Gruppo F: Italia 4, Turchia 2, Repubblica Ceca 2, Bielorussia 0, Portogallo 0.

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata