Gallinari dice 33, ma non basta. L’Italia ci crede ma cede alla Turchia nel finale

danilo gallinari, Nazionale Maschile Italia 2015

Grande rimpianto azzurro. L’Italia sfiora una clamorosa rimonta dopo aver inseguito per tutto l’arco del match, fermandosi ad un passo dalla vittoria con il tiro finale di Belinelli (molto forzato) che non prende nemmeno il ferro. Il punteggio finale è di 87-89 e non basta un super Gallinari alla sua migliore prestazione in assoluto con la canotta azzurra, capace di timbrare ben 33 punti. La Turchia domina a rimbalzo, più di quanto non dica il tabellino con 36 rimbalzi conquistati a fronte dei 31 nostrani. Le 14 palle perse della squadra di coach Pianigiani penalizzano un attacco per molto tempo asfittico, ma capace di piazzare una reazione nervosa e tattica nel secondo tempo e negli ultimi concitati minuti di gioco. La Turchia trova un Erden in versione deluxe con 22 punti e un tarantolato Muhammad alias Dixon che punisce puntualmente la difesa con il pick and roll. Domani si torna in campo alle ore 18 per riscattarsi contro l’Islanda in un match già da dentro e fuori.

Pronti, via ed è la Turchia a mostrare un buon piglio ispirata da un ottimo Ilysova che guida subito i propri compagni con 9 punti nel primo quarto. Azzurri contratti e poco fluidi in attacco, in difficoltà con il pressing a tutto campo ordinato da coach Ataman. Dominio dei biancorossi nei primi 10 minuti che doppiano gli azzurri sul 26-13.
Bargnani suona la carica con 7 punti consecutivi, ma la Turchia non molla un centimetro e risponde colpo su colpo a suon di triple raggiungendo il +16. Gallinari prova a prendersi la squadra sulle spalle nel momento più delicato, prendendosi falli e capitalizzando le gite in lunetta con un perfetto 11/11. I 3 falli di Hackett e Cinciarini costringono Pianigiani ad affidare le chiavi della regia a Belinelli sul finire del primo tempo che si chiude sul 42-51.
Azzurri più agguerriti al rientro in campo, con Gallinari e Bargnani a suonare la carica. E’ il Gallo che prende per mano la squadra, uscendo fuori gli artigli con penetrazioni dritte al ferro che lacerano la difesa turca. La squadra di Ataman tentenna e accusa il colpo, ma sul finire del terzo periodo riesce con un colpo di reni avanti d 5 punti.
Muhammed forza in attacco, l’Italia punisce e accorcia nuovamente giungendo fino al -2 ma lo stesso play di passaporto turco ritrova la vena offensiva ammattendo la difesa azzurra con il pick and roll. La Turchia torna a ringhiare in difesa e l’Italia torna a cavallo della doppia cifra di vantaggio a 5 minuti e mezzo dalla fine. L’Italia prova a rientrare con la tripla di Gentile, ma le palle perse paiono condannare la rimonta. Un super Gallo non ci sta e con la bomba del -3 riaccende la speranza, ma puntualmente i turchi rispondono con la stessa moneta. Belinelli timbra una tripla pazzesca, ma il fallo e caenstro di Ilyasova pesa come un macigno ma 45″ dal termine. A 8 secondi dal termine la Turchia conduce sull’86-88, e Pianigiani chiama timeout per designare l’ultimo schema. Gallinari fa 1/2 dalla lunetta ma Belinelli forza l’ultimo tiro che non prende nemmeno il ferro.

IL TABELLINO

ITALIA: Della Valle, Belinelli 14, Aradori, Gentile 12, Gallinari 33, Bargnani 12, Cusin 2, Datome 7, Melli 2, Cinciarini, Hackett 5, Polonara.
TURCHIA: Ozmizrak, Guler 9, Osman 12, Hersek, Ilyasova 17, Erden 22, Mahmutoglu 8, Savas, Korkmaz, Muhammed 17, Koksal, Aldemir 4.