Montepaschi Siena: si alza il sipario dell’Eurolega, la prima giornata inizia dall’Alba… Berlino.

Archiviata la mitica avventura dell’American Tour 2012, la Montepaschi Siena non ha il tempo di scendere dal palco: stasera si alza il sipario per la nuova edizione di Eurolega 2012-2013. Inserita nel girone B, assieme a Chalon, Prokom, Malaga, Maccabi Tel Aviv e Alba Berlino, la squadra di Banchi affronterà sul legno di viale Sclavo – domani, palla a due ore 20.45 – proprio la formazione tedesca di coach Saša Obradović.

 

Nonostante la rivoluzione avvenuta in casa del presidente Minucci, i campioni d’Italia hanno ancora tutte le carte in regola per ottenere il pass alla fase successiva. Maccabi è sicuramente la squadra da battere, tenendo d’occhio anche Malaga, con Repesa in panchina, e non lasciando troppo spazio ai tedeschi, soprattutto attenzione all’ex romano Djedovic.

La partita. Il team biancoverde non scende in campo contro l’Alba Berlino dalla stagione 2006-07, il che rende questa prova di forza ancora più speciale. Le due compagini arrivano sul rettangolo con il roster rinnovato e un obiettivo comune: lottare per la vittoria di Eurolega e conquistare subito una buona posizione. Altra analogia è il “pacchetto playmaker”, in grado di assicurare senz’altro un gioco multi-opzionale dal punto di vista tattico. Dalla parte dell’Alba, Vule Avdalovic garantisce esperienza, equilibrio e punti, mentre Heiko Schaffartzik è un po’ la carta jolly: un giocatore capace di entrare in campo e cambiare il gioco con la sua energia e il sangue freddo. Tuttavia, il perno del team berlinese e, quindi spina nel fianco per Siena, sarà DaShaun Wood (ex Cantù) che nell’ultima stagione ha chiuso con 17,9 punti realizzati a partita e il 45% da tre punti. Innegabilmente, il match si presenta ancor più interessante se guardiamo dalla parte senese e ricordiamo che c’è l’ex Alba, Bobby Brown. Inoltre, Avdalovic dovrà mettere in campo tutte le sue abilità difensive se vorrà tenere a bada Aleksandar Rasic, e Schaffartzik non avrà vita facile contro il combo-guard Daniel Hackett. In questa stagione, avrà un ruolo di rilievo anche David Moss che porta alla Montepaschi le sue qualità difensive e il suo gioco “all-around”. Lo stesso lavoro, in termini di difesa, dovrà offrire il nuovo capitano Marco Carraretto, Kangur e lo sharpshooter Matt Janning. Particolarmente, Moss e Kangur devono essere pronti a combattere contro Zach Morley, definito spesso come una “mancata ala piccola”, per le sue caratteristiche cestistiche. Janning dovrà essere bravo a trovare il canestro contro un Nihad Djedovic, che torna in piazza Eurolega come una delle stelle dell’Alba. La Montepaschi ha però dalla sua un vantaggio di dimensioni al centro che si traduce con i nomi di Benjamin Eze e Mario Kasun, che dovranno misurarsi contro Deon Thompson e Albert Miralles. Siena dovrà essere concentrata e non dovrà lasciare spazio dall’arco a Sven Schiltze, una guardia di esperienza e pronta a punire dal perimetro.

Insomma, se Siena vuole portarsi a casa la partita, dovrà sfruttare al meglio il vantaggio fisico nella zona pitturata, sperare nel feeling tra Bobby Brown e il georgiano Sanikidze, e assicurarsi un buon gioco difensivo da parte di Moss e Carraretto. L’Alba attenderà invece il nuovo giorno per ferire con Djedovic e Morley.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata