King Troy Bell,l’uomo che ha fatto innamorare S.Antimo

Una volta sbarcato a Sant’Antimo Troy Bell affermò di credere nella salvezza. King Troy ha mantenuto la promessa e grazie alle sue giocate la creatura di patron Cesaro è riuscita in un’impresa davvero epica dopo l’inizio ad handicap. Praticamente sceso dall’aereo Bell mise a referto 32 punti (facendo venire in mente dei più attempati  l’esordio in maglia Napolibasket di Walter Berry con 39 punti contro Milano) nella trasferta di Veroli che arrivava dopo lo stop interno contro Imola che aveva quasi chiuso il discorso salvezza.

La vittoria in Ciociaria fece intendere come il vento stesse cambiando e da lì è partita la cavalcante vincente verso la salvezza. Con 16 punti nel girone di ritorno Sant’Antimo ha sbaragliato la concorrenza e King Troy ha dimostrato di  essere un giocatore a tutto tondo, non solo canestri a ripetizione da ogni posizione ma anche una difesa attenta e presenza a rimbalzo. Bell è  stato decisivo assumendosi in ogni gara le responsabilità nei momenti difficili e facendo sempre canestro quando il momento lo richiedeva. Inoltre mai un’intemperanza e mai un brutto gesto verso i compagni che anzi sono stati sempre incitati anche nei momenti difficili. E Troy dal primo momento ha sempre creduto nella salvezza dichiarandolo appena arrivato a Napoli e ribadito oggi in un’intervista rilasciata in esclusiva ai nostri microfoni: ”Sono venuto a S.Antimo grazie all’insistenza di coach Di Carlo che credeva così tanto nel potenziale del team da convincermi  ad unirsi per portare a termine la missione. Negli Usa avevo lavorato bene e sapevo di essere in buona forma e di poter dare il mio contributo”. La societa’ ed i tifosi sono ormai innamorati di te: “Mi sono divertito molto a giocare qui – continua Troy –. Ho incontrato persone fantastiche sia nello staff che tra i tifosi e addetti ai lavori. Ora e’ presto ma nei prossimi mesi parleremo per vedere se ci sono le possibilità per un mio ritorno. A breve tornerò negli Usa ed ho molte cose da fare dal punto di vista musicale. Penso solo a quello, ogni cosa la faccio quando e’ arrivato il momento giusto.”
Con queste piccole battute si conclude la nostra intervista esclusiva con Troy Bell, un giocatore e uomo vero che ora patron Cesaro è chiamato a confermare se vuole fare l’ennesimo regalo ai propri sostenitori. Sostituire nel cuore degli appassionati un giocatore come Bell sarebbe difficile se non impossibile!

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata