Forlì, inizia il rush finale, contro Casale i 2 punti sono fondamentali

Si riparte per il rush finale, dopo l’ennesima sosta forzata di domenica scorsa, Forlì riceve l’agguerrita e ferita Casale Monferrato del “nemico” Matteo Malaventura.

La Junior che è reduce da due stop consecutivi dove ha segnato la miseria di 68 punti di media, scende in Romagna pronta per ripartire alla caccia della ormai miglior posizione per la griglia playoff, visto che Pistoia sembra quasi destinata ad accaparrarsi la prima posizione forte dei 6 punti di vantaggio sulle immediate inseguitrici.

 

Match importantissimo per la FulgorLibertas in ottica post season, 2 punti sul proprio parquet nonostante la forza dell’avversario, sono quanto mai fondamentali per rimanere ben assestati nel calderone delle prime otto. Passata per ora la tempesta crisi societaria in via Zuelli, si pensa ai prossimi match, consapevoli di potersela comunque giocare con tutti, in un torneo che eccetto i toscani sembra molto livellato. Dalla quinta piazza di Scafati alla dodicesima di Trento ballano solamente quattro punticini, basta perdere o vincere due partite consecutive per uscire/entrare in griglia.

Forlì che dopo le svariate soste non ha mai brillato, forse questa volta ha avuto la fortuna di poter ricaricare le batterie nonostante qualche giocatore febbricitante. Casale nel match perso contro la GTG Pistoia sembra aver perso lo smalto di inizio stagione, troppo incentrata sul duo USA Ware e Green che tirano praticamente la metà dei palloni a canestro di tutta la squadra e quando questa non entra, soprattutto dal perimetro sono dolori, l’ 8 su 39 dalla lunga degli ultimi 2 incontri è una causa.

Statistiche

Casale ha la coppia USA come migliori top scorer del torneo, mentre per Forlì il primo ad affacciarsi in classifica punti segnati è Roderick solo in quindicesima posizione.

La Novipiù è la seconda squadra che segna più punti, oltre 80 ad incontro, i biancorossi sono poco dietro con quasi 79, ma ne subiscono ben oltre 80, mentre i piemontesi circa 77 ad incontro.

Si alza l’asticella forlivese nel tiro da due punti con un buon 54,3% a differenza dei rossoblu che segnano un sufficiente 51,4%, le due formazioni si equivalgono dal’arco con oltre il 34% entrambe. Le medie a rimbalzo danno Forlì in vantaggio, 36 contro i 33 circa per match di Casale, ma il dato più sconfortante per la formazione di Dell’Agnello è e rimane sempre le palle perse, con oltre 17 di media contro le “sole”12 degli uomini di Griccioli.

Si attende sicuramente una buona cornice di pubblico al PalaCredito oltre per la serata che non desta importanza televisiva al calcio e quant’altro e per la vecchia rivalità che c’è tra le due formazioni ormai dal lontano 2005.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *