Venezia, le dichiarazioni pre-Final Eight e la presentazione di Aaron Johnson

Reyer Venezia vs Cimberio Varese - panchina Reyer

L’Umana Reyer Venezia si prepara ad affrontare le Final Eight di Coppa Italia che si svolgeranno al Mediolanum Forum Di Assago dal 7 al 9 Febbraio.
Domani, Venerdì 7 Febbraio ore 15:30 (diretta Tv su Rai Sport 1 e in diretta streaming su gazzetta.it. ) affronterà nei Quarti di Finale la numero uno del tabellone, l’Enel Brindisi
 
Il Direttore Sportivo Federico Casarin ha introdotto la conferenza stampa concentrandosi sulla polemica dei giorni scorsi nata dalla nota del patron Luigi Brugnaro con il suo ultimatum di fare le valigie e abbandonare il Progetto Reyer. 
“ Non è facile fare una conferenza stampa per un evento importante come le Final Eight in questa situazione e in questo momento di profonda amarezza e di grande decisione per eventi che sono successi e stanno succedendo. Da parte mia come rappresentante dell’Umana Reyer in questo momento, va il mio più grande abbraccio al presidente Luigi Brugnaro come modo per stare vicino a una persona che a noi come staff, dirigenti, allenatori, simpatizzanti e amici di questa società ha dato tanto e mi auguro continuerà per tanti anni in futuro. Mi è sembrata una premessa dovuta e doverosa a una persona che in questo momento vorremo fosse presente e spero torni presto. ”  Il ds della Reyer esprime le sue parole sul nuovo arrivato Aaron Johnson“ Voglio spendere una parola importante a Mauro Sartori che ha lavorato in maniera molto efficace per riuscire a tesserare il giocatore in tempi brevissimi. Se non ci fosse stato il maltempo in America che ha ritardato il suo arrivo Aaron sarebbe già stato disponibile per giocare domenica. E’ un giocatore che viene a completare e implementare questo nostro organico, abbiamo avuto modo di valutare il mercato e assieme allo staff tecnico è stata fatta questa scelta. ”  
Poi è il turno di coach Zare Markovski“ Venezia è un punto di arrivo per tutti quanti, si sta confermando come realtà tale da andare a giocare la Coppa Italia, dobbiamo cercare tramite questa manifestazione di fare un passo ulteriore per consolidarci. Brindisi è una squadra che viaggia nei piani alti della classifica grazie a un ottimo attacco e al gioco del playmaker Jerome Dyson da renderla pericolosa in tutti i reparti, la nostra difesa dovrà essere capace contenerli. Sarà la prima di Johnson e la prima di Vitali dopo il ritorno dall’infortunio mentre Giachetti non è ancora completamente recuperato. Luca Vitali ha fatto due buon allenamenti, penso che sarà in campo ma valuteremo quanti minuti potrà dare, solo la partita ce lo dirà. Vista la squadra in questi ultimi due giorni possiamo andare a giocarcela a viso aperto e a competere. Dobbiamo cercare di pensare a quei 40 minuti cercando di dare tutto noi stessi perché Brindisi si può battere, abbiamo fatto vedere durante l’arco del campionato che non bisogna mai tirarsi indietro davanti a nessuno. ” 
Nelle sue esperienze alle Final Eight, Zare ricorda la finale del 2007 quando alla guida della Vidivici Virtus Bologna perse contro la Benetton Treviso per 65-67 “ La conducemmo per 39 minuti, sbagliammo 4 tiri liberi di fila nell’ultimo minuto con Andrea Michelori e ci sorpassarono negli ultimi 40 secondi. E’ comunque un ricordo positivo. ” Mentre nell’edizione del 2009 venne eliminato nel primo turno alla guida di Avellino da Teramo per 76-70 “ Fu tutt’altra situazione, come maggior ragione ho sottolineato che Venezia è un punto di arrivo e dobbiamo mantenerlo come tale per tanti altri, ci furono all’epoca tanti ritardi nel pagamento e non la giocammo bene.  ”
Sguardo alla manifestazione con Milano favorita. “ Sì, Milano sta cominciando a essere rispettata anche in Europa, perciò vista la differenza tra il nostro campionato e l’Eurolega ha due obiettivi, quelli di non perdere in Italia e di vincere in Europa. Quindi essere dall’altra parte del tabellone è un bene? Certamente, ma tutti i pensieri affrettati possono crearci problemi perché adesso si pensa a una sola partita e poi magari avremo 24 ore per pensare alla prossima. La differenza è quella, nel campionato si ha 7 giorni per pensare, in Coppa hai 24 ore. E la coppa è una specie di play-off in partita secca, si gioca al meglio di una e in tre giorni si può scrivere la storia. Conterà la tenuta fisica e mentale, la prima partita dirà molto perché l’utilizzo dei giocatori potrebbe condizionare le prossime. ” 

Reyer - Markovski e JacksonZare presenta quindi il nuovo arrivato Aaron Johnson“ All’università di Alabama at Birmingham ha fatto vedere ottime qualità ed è stato eletto miglior giocatore della Conference da far capire il suo arrivo in Europa. Ha continuato con il suo rendimento a Ostuni e si è meritato la Serie A1 giocando a Cremona facendosi valere. Viene a dare una mano a questa squadra per quella fluidità di gioco che ci possa servire, viene a coprire un reparto dove in occasioni di assenza dei playmaker, le tante palle perse hanno pesato. ”

“ Vengo dall’esperienza in D-League, mi sento bene e sono pronto per giocare. La presenza di Vitali e Peric mi può certamente agevolare, ma sono pronto a giocare con qualsiasi tipo compagno perché è il mio lavoro. ” Queste le prime parole del playmaker che vestirà la maglia n°32. Aaron era presente domenica al PalaTaliercio e ha potuto vedere da vicino all’opera la sua nuova squadra “ Sicuramente è una buon team, avevo già visto il roster prima che cominciasse il campionato e quindi sapevo che potesse essere valido, spero con il mio arrivo di migliorarlo. Mi aspetto grandi cose dal resto della stagione e di fare bene già dalla prima. ”
Debutto con la nuova maglia già alle Final Eight di Coppa Italia “ Sarà molto eccitante, sono felice di essere tornato in Italia e di far parte di questa manifestazione dato che sarà anche la prima volta che vi parteciperò. Brindisi è una realtà che conosco bene dato che sarà la terza volta che li affronterò, nella squadra di quest’anno spicca il molto talento, il gioco con molta intensità e velocità. Arrivare in finale? Certo, perché no, dobbiamo crederci sempre. ‘ Dreams can comes true’, I sogni possono avverarsi.
 
BasketItaly.it ©, Riproduzione riservata 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *