fbpx

Venezia corsara, battuta a domicilio Reggio-Emilia

La Reyer Umana Venezia espugna il campo della Trenkwalder Reggio Emilia per 69-75 e conquista la terza vittoria consecutiva. Se si va a leggere meglio le statistiche ci si accorge che per la squadra di coach Mazzon si tratta della sesta vittoria nelle ultime sette partite (dove l’unica sconfitta è arrivata in casa contro Avellino ed è costata la qualificazione alle Final-Eight di Milano), la terza vittoria consecutiva in trasferta dopo i blitz di Caserta e Varese. Per la formazione reggiana, invece, si tratta della seconda sconfitta consecutiva dopo la debacle di Siena, che costa il sorpasso al settimo posto

in classifica proprio dei lagunari. La partita ha visto nella parte iniziale un dominio dei veneziani, che hanno condotto ampiamente nel punteggio sin dalla fine del primo quarto in doppia cifra di vantaggio, anche se nel corso della gara hanno dovuto respingere i tentativi di rimonta dei biancorossi. L’Umana Venezia, però, nelle ultime settimane può contare su uno Szewczyk versione extralusso, e con un polacco scatenato è davvero difficile avere la meglio sugli oro granata. Nella serata reggiana il nazionale polacco ha prodotto una prestazione da 27 punti (7/8 da due e 4/8 da tre) per un 21 di valutazione totale, poi se si aggiunge un Diawara da 19 punti con 7 rimbalzi i conti incominciano a tornare a coach Mazzon dopo il complicato inizio di stagione sa sole 3 vittorie nelle prime undici gare. Tra le fila reggiane ha provato come al solito a fare pentole e coperchi in attacco Donell Taylor con una prova da 26 punti (6/13 da due e 4/9 da tre) ma non è bastato per mettere la partita in equilibrio dopo il super inizio dei veneziani. Oltre alla guardia americana per la Trenkwalder solita prova tutta sostanza nel pitturato di Brunner con 15 punti ed 8 rimbalzi, però è proprio nell’area dove i reggiani hanno perso la gara se si confronta la grande differenza nella percentuale del tiro da due tra le due formazioni (19/44 43% per Reggio, 23/33 70% per la Reyer).

Cronaca
Partita di grande intensità fin dalle prime battute con Venezia che subito si porta in vantaggio per 6-0 approfittando di tre errori al tiro dei padroni di casa. Taylor e Brunner sbloccano il punteggio per la Trenkwalder ma Venezia è brava a tenerla a distanza con nove punti consecutivi di Szewczyk ai quali si accosta il gioco da tre punti di Diawara che sigla un pesante 6-18 dopo appena 8′. ReggioEmilia prova a farsi sotto e con Cinciarini e Taylor scende sotto i dieci punti di svantaggio fermando lo score sul 22-30 al 14′. Diawara e Szewczyk cercano di dare una nuova spallata ma questa volta la Trenk non si lascia cadere ma piuttosto rafforza la propria difesa e trova la giusta continuità in avanti che le permette di andare all’intervallo lungo sotto solo per 37-40.

L’andazzo della partita non cambia al ritorno in campo con sempre l’Umana Venezia a dettare i tempi mentre la Trenkwalder insegue e con il minibreak firmato da Slanina e Taylor, riduce ad un solo punto lo svantaggio posando il punteggio sul 45-46 al 25′. Taylor e Cervi falliscono l’occasione di passare addirittura in vantaggio e la squadra di coach Mazzon ne approfitta per allungare nuovamente, con il duo Szewczyk-Young, portandosi sul 50-57 al 30′. ReggioEmilia non mette più la palla nel cesto e mentre gli incontenibili Szewczyk e Diawara non ne sbagliano una e l’Umana vola nuovamente sopra la doppia cifra di vantaggio (54-66) al 34′. La partita sembra in ghiaccio ma ReggioEmilia caccia fuori l’orgoglio e con Taylor che ne mette 8 di fila torna sul 64-68 al 38′. Non andrà oltre, però, la generosa Trenkwalder contro una Venezia che torna segnare con Diawara e Clark fissando il punteggio finale sul 69-74.

Trenkwalder ReggioEmilia vs Umana Reyer Venezia 69-75 (12-25, 37-40, 50-57)

ReggioEmilia: Jeremic 5, James 2, Taylor 26, Brunner 15, Antonutti 6, Veccia ne, Filloy ne, Slanina 4, Cervi, Silins, Deguara, Cinciarini 11; All. Menetti
Venezia: Clark 7, Bulleri, Diawara 19, Marconato, Zoroski, Szewczyk 27, Young 10, Bowers 6, Rosselli 2, Magro 4, Hubalek, Candalussi; All.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *