Home Serie A Varese torna sola in testa: il Count-down del successo su Biella

Varese torna sola in testa: il Count-down del successo su Biella

0

Il testacoda della ventiduesima giornata del massimo campionato di Serie tra la Cimberio Varese e l’Angelico Biella nelle pagelle in Count-down di Basketitaly.it:

10 come i rimbalzi totali di Bryant Dunston. Il pivot americano ieri sera ha firmato l’ennesima doppia doppia stagionale con 11 punti (5/8 da due), 7 rimbalzi difensivi e 3 offensivi per un totale di 21 in valutazione,

ma verrebbe da dire che per lui è stata una normale giornata in ufficio visto che in campionato viaggia a 14,8 e 7,6 rimbalzi e 22,4 di valutazione a partita.

9 il voto a Kevinn Pinkney. Passano gli anni, a quasi trent’anni non è più il giocatore di primo pelo visto nelle sue prime esperienze italiane proprio in quel di Biella e Cantù, ma sta dimostrando di essere sempre un giocatore in grado di spostare gli equilibri. Per Kevinn ieri sera, miglior scorer della gara, 28 punti (10/12 da due) conditi da 10 rimbalzi totali per un rotondo 32 di valutazione personale.

8 Come l’8/9 da due di Adrian Banks. Nelle ultime settimane, dopo l’infortunio alla caviglia, i tifosi di Masnago avevano perso un pochino di vista la guardia che tanto bene aveva fatto nel girone d’andata. A fine giornata per Adrian 23 punti con anche 3 palloni recuperati e 2 assist.

7 come gli assist di Mike Green. Anche nella partita contro i piemontesi il regista ex Cantù e Barcellona si è dimostrato il solito metronomo in campo per coach Vitucci, nonostante una serata in attacco non indimenticabile (5 punti con il 2/7 totale al tiro).

6 Come il voto alla partita dell’Angelico Biella. Al cospetto della capolista ha ragione ad essere sodisfatto, nonostante la sconfitta, coach Cancellieri perché la sua squadra ha reagito all’ampio passivo di inizio secondo tempo (-19 sul 59-40 al 22’) dimostrando uno spirito diverso rispetto all’ultima sconfitta esterna in quel di Siena.

5 Come i rimbalzi e le palle perse di Trey Johnson. La guardia americana dopo Pinkney è stato il migliore nella squadra biellese, anche se è stato costretto ad alcune forzature nel gioco  (23 punti 9/14 due  1/2 da due, 4 assist e 19 di valutazione alla fine per lui).

4 Come i falli di Erik Rush in 10 minuti in campo. Il ragazzo americano quando entra in campo ci mette sempre tanta energia ed intensità, forse ieri ce ne ha messa troppa, dovrebbe dosare meglio la sua carica agonistica per crescere in futuro. Alla fine per lui magro score con 0 punti, 3 palle perse e -6 in valutazione.

3 Come i punti totali della panchina dell’Angelico Biella. Solo 3 punti dalla panchina di coach Cancellieri, per giunta arrivati da Matteo Soragna, che dopo 8 minuti in campo è stato costretto a salutare la compagnia causa un nuovo sfortunato stop atletico. I giovani Raspino e Laganà ed il più esperto Renzi, rispetto ai primi due, hanno prodotto virgola per la causa biellese.

2 Come i punti ed i minuti in campo di Bruno Cerella. L’oriundo ritorna ad assaggiare finalmente il legno di gioco dopo l’infortunio. Per coach Vitucci è sicuramente una buona notizia, perché l’energia e le qualità fatte intravedere dal giocatore negli anni passati a Teramo sarebbero una aggiunta importante nel post season varesino.

1 Come il ritorno in prima posizione solitaria in classifica della Cimberio. La squadra biancorossa dopo 14 giornate in vetta solitaria della classifica, ha condiviso la vetta nelle precedenti due giornate con il Banco Sardegna Sassari. Nuovamente prima in attesa dell’infuocata trasferta del prossimo turno proprio sul campo dei sassaresi.

0 Come le possibilità di salvezza di Biella se non riuscisse a vincere nel prossimo turno. Contro Avellino è gara da dentro o fuori nella lotta per la sopravvivenza per i rossoblù. La classifica parla chiaro: due punti da recuperare su Pesaro, che ha l’ulteriore vantaggio di aver vinto entrambi i scontri diretti con Biella, e quattro punti da recuperare sulla stessa Avellino e Montegranaro.