Varese si conferma grande: battuta Milano al Forum

La Cimberio Varese si conferma in testa alla classifica vincendo al Forum d’Assago contro i padroni di casa dell’EA7 Milano per 77-83. Undicesima vittoria in dodici gare per la truppa varesina, che respinge l’assalto al primato di Sassari e Siena, che avevano raggiunto Green e compagni prima del posticipo di questa sera. Nuova grande prova di maturità della squadra di Vitucci, che ha confermato sul legno milanese di poter recitare un ruolo di protagonista fino alla fine del campionato, e di poter accantonare l’accostamento dell’appellativo di sorpresa al nome Varese. Invece Milano conferma tutte le sue difficoltà psicologiche nel giocare sul campo amico, dove è arrivata la quarta sconfitta in fila. Gli uomini di Scariolo confermano di avere una zavorra sulle spalle, quel peso di dover vincere a tutti i costi, peso che aumenta di tonnellate quando si gioca davanti al proprio pubblico. La rivoluzione sul mercato è cominciata in settimana con le esclusioni di Cook e di Hendrix, ma deve essere completata in entrata perché ovviamente l’arrivo del solo Jr Bremer (discreto il suo debutto) non può colmare quel gap di leadership e talento che manca nel roster milanese. Intanto continua invece ad aumentare il gap con le prime della classe, il distacco dalla capolista Varese è di dieci punti, dalle seconde Sassari e Siena otto punti, mentre da un’altra rivale storica Cantù è di quattro punti. Tornando ai temi della partita il miglior giocatore in campo è stata la guardia americana Adrian Banks che ha fatto letteralmente impazzire la difesa milanese con 26 punti (9/14 da due). Da sottolineare in casa Cimberio, anche, le prestazioni di Mike Green lucido in regia e glaciale dalla linea della carità (19 punti 6/6 dalla lunetta), di Dunston sempre solido nel pitturato (11 punti +9 rimbalzi),  e di Polonora che ha vinto il confronto diretto con il pariruolo milanese Melli. Tra le fila milanesi i migliori sono stati Bourousis (18 punti + 13 rimbalzi) e Langford (17 punti), che sono stati gli ultimi ad arrendersi per l’Olimpia. Ancora una volta deludente Fotsis (8 punti con 1/5 da due ed l’1/5 da tre), mentre i giovani Melli e Gentile non sono riusciti a dare il proprio contributo in termini di energia e di entusiasmo alla squadra dalla panchina, ma tutte le seconde linee milanesi, eccetto il discusso Stipcevic, non  hanno portato qualcosa di importante alla causa meneghina nel momento in cui sono stati chiamati in causa.

La prima parte della gara è pirotecnica in attacco con le due squadre che trovano facilmente la via del canestro, alla fine del primo quarto il tabellone del Forum segna la perfetta parità a quota 24 punti. Ad inizio secondo quarto la Cimberio con i tiri dai 6,75 m di Green e Polonora opera il primo consistente allungo sul + 6 (26-32 al 13’), ma Milano sull’asse greco Bourousis-Fotsis opera un contro break di 8-0 , e si riporta in vantaggio sul 34-32 al 14’. La partita procede sul binario dell’equilibrio, ma al rientro negli spogliatoi per l’intervallo è nuovamente Varese a mettere la propria targa avanti (40-43 al 20’). La prima parte della terza frazione continua suoi binari dell’equilibrio (Milano con quattro liberi in fila di Langford conduce sul 56-53 al 25’), poi Varese con un parziale di 1-10 trova il nuovo massimo vantaggio sul +7 (54-61 al 29’). Una bomba dell’ultimo arrivato Jr Bremer sulla sirena riporta l’Olimpia sul -4 (60-64) al termine della terza frazione. Il quarto decisivo si apre ancora nel segno varesino, che con una bomba di Ere ed un entrata di De Nicolao arriva al massimo vantaggio sul +9 (60-69 al 31’). L’attacco di Varese, complice la difesa aggressiva di Milano, va in difficoltà così Milano torna sul -4 (67-71 al 35’). La Cimberio trova un positivo Talts ( tutti suoi i quattro punti dei varesini dal 31’ al 36’) nel pitturato, bravo a ricevere gli assist di Green, e si entra negli ultimi quattro minuti di gioco sul 67-73 per gli uomini di Vitucci. Si segna molto meno nel finale di gara: Bourousis con due liberi riporta Milano sul -4 (69-73) al 37’. Banks segna con un bell’arresto e tiro (69-75 al 38’), ma gli risponde Bourousis per il nuovo -4 quando si entra nell’ultimo minuto (71-75 al 39’). Banks è il mattatore del finale per gli ospiti, infatti la guardia con un altro gran canestro dà nuovamente il +6 (71-77), ma Langford con un canestro in entrata da ancora speranza all’Olimpia a 38 secondi dal termine (73-77). Milano fa fallo immediato alla ricezione di Green, che fa 2/2 dalla lunetta, gli risponde ancora Bourousis con un tap-in su un tiro cortissimo di Fotsis (75-79), ma Polonora elude il pressing di Milano, e va a segnare in solitaria in schiacciata (75-81) ad una ventina di secondi dallo scadere. Nel finale Green è ancora glaciale dalla lunetta, e regala una  splendida vittoria nel derby alla Cimberio (77-83 al 40’).

EA7 Milano-Cimberio Varese 77-83 (24-24, 40-43, 60-64)

EA7 Milano: Bourousis 18, Langford 17, Hairston 13, Fotsis 8, Langford 9, Stipcevic 9, Gentile 3, Melli 2, Chiotti 1

Cimberio Varese: Banks 26, Dunston 11, Green 16, Polonara 12, Ere 7, Talts 6, De Nicolao 2

Mvp: Adrian Banks

580 Comments