Home Serie A Trento-Cantù in countdown: Mitchell trascina, ma gli italiani Pascolo e Spanghero spezzano la partita

Trento-Cantù in countdown: Mitchell trascina, ma gli italiani Pascolo e Spanghero spezzano la partita

0

Spanghero (Trento) vs Johnson-Odom (Cantu)Ed eccoci il countdown della prima vittoria in campionato della Dolomiti Energia Trentino opposta ad a Cantù.

 

10. alla Società Dolomiti Energia Trento, alla Squadra, ai Tifosi per la conquista della Prima storica vittoria in Lega A

9. i rimbalzi, di cui 5 offensivi, catturati da Davide Pascolo, che uniti ai tredici punti realizzati in ventisei minuti, non fa che confermare quanto di positivo l’ala friulana avesse fatto vedere nella precedente stagione (miglior giocatore di Legadue e convocazione in Nazionale).

 

8. i falli subiti da Tony Mitchell, autentico trascinatore offensivo trentino. Le percentuali al tiro( 6/13 ad due e 3/10 da tre) potrebbero lasciare a desiderare, però se pensiamo agli otto falli subiti (anche qui 5/11 ai liberi…) agli otto rimbalzi ed ai tre assist, ci rendiamo conto degli spazi che ha creato per le conclusioni dei compagni. Unico difetto odierno: nell’ultimo quarto pallone troppo fermo, ma con il tempo supererà anche questo.

7. Il totale dei canestri, su quindici tentativi realizzati da Johnson-Odom, play ed anche finalizzatore di Cantù. La difesa trentina (su tutti Forray) , a lo ha sfiancato, inducendolo a perdere sette palloni, ma ha avuto poca collaborazione dai compagni, a parte le prove di Buva e gentile in attacco.

6. i rimbalzi offensivi catturati da Cantù contro i 15 di Trento, che la dicono lunga sulla differenza a rimbalzo, che ha consentito agli aquilotti 13 secondi tiri.

5. i minuti in cui DeQuan Jones ha realizzato sei punti nel primo quarto, per poi praticamente sparire dal campo. Ad una specifica domanda su un suo eventuale futuro in NBA, coach Sacripanti ah affermato “a me non interessa, mi basterebbe fosse giocatore importante per questa squadra”.

4. gli assist forniti da Jamarr Sanders, uno dei protagonisti dell’incontro. Partito dalla panchina, appena entrato si è messo a disposizione dei compagni della squadra riuscendo ad alzare l’asticella dell’intensità difensiva, ma si è assunto anche il compito nei primi venti minuti di colpire dai 6,75 (4/5), Autentico collante della compagine di Buscaglia.

3. le conclusioni di Marco Spanghero nel momento della rimonta e dell’allungo decisivo da parte dei padroni di casa. Con Mitchell in panca, assieme a Pascolo si assume la responsabilità offensiva e dispensa due assist di alto livello e colpisce dalla lunga distanza mettendo in crisi la difesa canturina. Tosto come al solito.

2. i primi punti di Armwood nella stagione. Sei minuti in sostituzione di Owens, gravato dai falli. E’ vero che sta facendo parecchia fatica ad ambientarsi al basket europeo, ma Buscaglia si è dichiarato soddisfatto dell’apporto fornito questa sera.

1. il numero dei canestri realizzati da Keaton Grant. Anche in questa occasione, percentuali al tiro (1/8) da dimenticare, qualcosa in più in difesa, ma da lui ci si aspetta ben altro. Viene il dubbio che il suo rendimento differisca dal fatto di giocare in casa o in trasferta.. Certo che il 28enne statunitense proveniente dal campionato tedesco lo scorsi anno è risultato il quarto marcatore della stagione.

Massimo Fuiano

Basketitaly.it – Riproduzione riservata