Home Serie A Supercoppa Italiana Supercoppa – Teodosic-Tessitori abbattono Cremona: La Virtus torna al successo

Supercoppa – Teodosic-Tessitori abbattono Cremona: La Virtus torna al successo

0

La Virtus Bologna torna in campo dopo la prima sconfitta stagionale patita nel Derby di lunedì sera per chiudere la pratica qualificazione. Al Paladozza arriva Cremona, finalmente al completo, che invece cerca un successo per mantenere una flebile speranza di final eight. I 20 punti di Amedeo Tessitori e un super Teodosic in regia regalano alle Vnere il successo per 79-56.

Squadre subito calde con un botta e risposta dall’arco Williams-Tessitori. Teodosic e Markovic confezionano dopo 3 minuti il primo sorpasso Virtus. I padroni di casa cercano di allungare con un Teodosic che evidentemente sente di doversi far perdonare il Buzzer Beater fallito nella stracittadina. Il parziale di 14-0 sembra voler già indirizzare la partita. Hommes tiene a galla i suoi a suon di triple. Palmi fissa il primo quarto sul 19-15. Tutti i 15 pti della Vanoli sono arrivati da oltre l’arco.

Il secondo quarto inizia con le Vnere che cercano di prendere in mano la partita. All’inizio Cremona tiene botta, iniziando a metterla anche da due e dalla lunetta, ma Tessitori da il via al parziale che manda fino a +14 i suoi. L’ex Cournooh cerca di mantenere a galla i suoi, ma si accende Vince Hunter e soprattutto la vena artistica di Teodosic (già a quota 10 passaggi vincenti) che inventa un assist assurdo sotto le gambe del difensore. Primo tempo chiuso sul 44-30.

Il secondo tempo si apre come si era chiuso il primo, col fuoriclasse ex Clippers che manda a canestro un compagno per l’undicesima volta. Stavolta Cremona fatica a rientrare in partita è infatti le Vnere accelerano fino al +20. Jarvis Williams muove la retina per i lombardi e, insieme a Peppe Poeta, riporta sotto i 20 lo svantaggio. Si va all’ultimo quarto con i padroni di casa ancora sopra di 14.

Negli ultimi 10 minuti la Segafredo legittima il successo. Alibegovic si prende i riflettori, mentre è ancora l’asse Milos-Tessitori a chiudere di fatto la partita a 5 dal termine. Il finale è pura Accademia. Per legittimare il successo Bologna.