Home Serie A Supercoppa Italiana Supercoppa italiana: al via le Final Four
Supercoppa italiana: al via le Final Four

Supercoppa italiana: al via le Final Four

0

Archiviata la fase a gironi, prendono il via oggi, alla Segafredo Arena della fiera di Bologna, le Final Four di Supercoppa italiana. 
La vincitrice del primo trofeo nazionale post pandemia uscirà fuori dai match Olimpia Milano-Umana Reyer Venezia e Virtus Bologna-Dinamo Sassari. Chi arriverà a giocarsi la finale di Domenica sera?

Olimpia Milano – Umana Reyer Venezia

La prima semifinale (ore 18, diretta su Eurosport 2 ed Eurosport player) vedrà di fronte la vincitrice del girone A, Milano, è quella del girone C Venezia.
L’Olimpia arriva a questo incontro come unica squadra ancora imbattuta del torneo. I ragazzi di Messina hanno in effetti davvero impressionato per qualità e per ampiezza della rosa. Questo grazie all’ottima amalgama di chi già c’era, vedi un Sergio Rodriguez ormai vero leader dei Lombardi, è l’ottimo inserimento dei nuovi arrivati come Kevin Punter, Davide Moretti e soprattutto Gigi Datome, il grande colpo dell’estate milanese.
Di fronte una Reyer che ha però tutta l’intenzione di farsi rispettare. I veneti hanno vinto l’ultimo trofeo disponibile, la Coppia Italia di febbraio e di fatto sono ancora detentori dello Scudetti. Ne ero understimate the Champion dicono in Nba, ed il discorso vale anche per i ragazzi di coach De Raffaele, che a differenza dei rivali si affida su uno zoccolo duro che gioca e vince assieme da ormai diverse stagioni, tra cui i vari Stefano Tonut, Austin Daye e Michael Bramos.
le partite fin qui disputate direbbero Milano favorita, ma Venezia, nelle partite che contano, è sempre un pericolo.

 

Virtus Segafredo Bologna – Dinamo Sassari

In serata (ore 20.45, diretta su Eurosport 2 ed Eurosport player) toccherà invece ai padroni di casa della Virtus Bologna (vincitori del girone B) ospitare la Dinamo Sassari (girone D).
La Virtus Bologna, che la scorsa stagione fino al lockdown è stata la vera dominatrice della serie A, vorrebbe riprendere da quei successi. Per tornare grandi però serve un trofeo in bacheca, che l’anno scorso è mancato proprio nei momenti decisivi. La fase a gironi è stata conclusa con 5 vittorie e una sola sconfitta nel secondo derby con la Fortitudo, ma coach Djordjevic avrà comunque qualche pensiero per la testa, poiché le  Vnere paiono avere l’incapacità di chiudere le partite, ed il fatto che la qualificazione sia arrivata sul filo del rasoio nell’ultima partita contro Reggio ne è l’emblema. Comunque la qualità della rosa è assoluta ed avere un giocatore come Milos Teodosic può essere un valore aggiunto nel momento del bisogno.
di fronte una Dinamo Sassari che cerca la definitiva consacrazione in campo nazionale. I campioni in carica hanno cambiato molto ma hanno tenuto alcune delle proprie certezze, tra cui un Marco Spissu sempre più leader e soprattutto il fattore Pozzecco in panchina. Tra le quattro è stata forse la meno convincente (4 V 2 S), ma di certo le carte in regola per andare in finale ci sono: prime far tutte il gioco grintoso e la difesa che può essere molto efficace contro le punte di diamante bianconere.
In ogni caso, La Virtus sembra partire avvantaggiata, ma contro una squadra come Sassari, ormai abituata a vincere, le amnesie viste fin qui non sarebbero tollerabili, perché Pozzecco e i suoi non ci penserebbero due volte ad approfittarne.