Super terzo quarto di Trieste che vince la sua 5a di fila. Reyer Venezia schiantata 104-85

L’Alma Pallacanestro Trieste continua il suo strepitoso momento di forma conquistando la sua 5a vittoria di fila abbattendo l’Umana Reyer Venezia per 104-85. Un match che la squadra giuliana allenata da Eugenio Dalmasson ha fatto suo con 52 punti segnati in 16′ e un a dir a poco decisivo terzo quarto; Trieste è scappata fino al massimo vantaggio di +23 al 29′ sull’82-59 consentendo agli ospti fino a quel momento solo 4 punti nel terzo parziale. Per l’Umana Reyer Venezia di coach Walter De Raffaele un’umiliazione cocente, ormai distante dal primo posto playoff e agguantata in classifica da Cremona al 2° posto. Reyer parsa lontana anni luce dai tempi migliori, a prescindere dagli acciacchi di Julyan Stone e dalla serata negativa di Austin Daye seppur debilitato. Si salvano solo Haynes, a tratti, e Mitchell Watt. In casa giuliana è tutt’altro umore, vittoria da playoff e da squadra che ha fatto la voce grossa sostenuta dal suo calorosissimo pubblico dell’Allianz Dome. Dragic su tutti, Fernandez per la chirurgia al tiro, Wright in regia, ma coach Eugenio Dalmasson si può dire soddisfatto per tutti i suoi effettivi.

CRONACA_ In un Allianz Dome sold-out e impetuoso per la sua notevole atmosfera, è l’Umana Reyer a partire meglio in un quarto ad altissimo ritmo sostenuta dai canestri Haynes e Watt, 14-20 al 7′. Wright e Dragic non si scompongono e con un 14-4 Trieste rimonta gli ospiti per il 28-24 al 9′, time-out De Raffaele. Il primo quarto finisce 30-27 con la tripla di De Nicolao a fil di sirena a chiudere i primi 10′. Fernandez e Cavaliero in avvio di secondo quarto fanno la voce grossa con le triple (Trieste nel primo tempo tira 9/15 dai 6,75), 44-32 al 14′. Daye, Watt e Haynes rispondono ai giuliani, Mazzola mette il -2 , ma Dragic riporta avanti l’Alma sul 57-52 al 18′, time-out De Raffaele. Tonut e un super Dragic chiudono il primo tempo su un punteggio altissimo, 61-55 a favore della squadra alabardata.
Si torna in campo e i giuliani hanno un’altra marcia rispetto a Venezia, la tripla di Cavaliero porta l’Alma sul 69-55, time-out De Raffaele al 23′. Venezia ha perso intensità totalmente rispetto a una Trieste carica a molla che con continua il suo grandissimo momento con un ottimo Mosley e un positivissimo Matteo Da Ros, 82-59 al 29′. Watt lima il passivo di una Reyer che ha segnato solo 8 punti in quarto, 82-63 dopo 30′. Kennedy, Haynes e il solito Watt provano a dare una scossa alla Reyer per il -14 a 6’29” dal termine sul 85-71, ma Trieste, causa un tecnico chiamato a De Nicolao a 3’59” dal termine, cala difatti la parola fine al match che Venezia non riuscirà più a recuperare. Il finale di match è praticamente garbage time con Hrvoje Peric a prendersi la scena con il 100mo punto di squadra. Finisce 104-85 con il pubblico giuliano a inneggiare festante “Vinceremo il tricolor”.

MVP BasketItaly.it: Zoran Dragic.

Alma Pallacanestro Trieste – Umana Reyer Venezia 104-85 (30-27; 61-55; 82-63)

Trieste: Coronica ne, Peric 15, Fernandez 15, Wright 12, Strautins 4, Cavaliero 12, Da Ros 9, Sanders 2, Knox 6, Dragic 17, Mosley 12, Cittadini ne. Coach: Eugenio Dalmasson.

Venezia: Haynes 15, Kennedy 5, Stone 2, Bramos 2, Tonut 12, Daye 6, De Nicolao 5, Biligha 4, Giuri ne, Mazzola 10, Cerella ne, Watt 26. Coach: Walter De Raffaele.

Arbitri: Beniamino Manuel Attard, Fabrizio Paglialunga e Matteo Boninsegna.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata