fbpx

Spettacolo al PalaDesio: Il coraggio di Thomas fa la differenza! Cantù batte la Fiat al fotofinish

Spettacolo non poteva mancare nella sfida fra Cantù e Torino e così è stato: al termine di 40  minuti di autentica battaglia sono i padroni di casa ad aver la meglio per 93-90. Risolutiva è stata la tripla frontale di Charles Thomas nel minuto finale, a coronamento di una rimonta furiosa nel secondo tempo, in cui i ragazzi di Sodini hanno segnato 61 punti.

Con questo risultato Cantù aggancia l’Auxilium in classifica e si porta 2-0 negli scontri diretti: la vittoria è stata frutto di un cambio di marcia della squadra padrona di casa che dopo aver subito per 20 minuti a rimbalzo (18-29 il conto a metà partita), ha sovrastato gli avversari in energia al rientro dagli spogliatoi guidata dal carisma di Chappell, protagonista del parziale di dieci a zero che in due minuti ha cambiato l’inerzia del match.

Rimessa sui binari dell’equilibrio la partita, nel quarto periodo c’è stato un testa a testa pirotecnico fra le due squadre a suon triple: per la Fiat Vujacic e Garrett, dall’altra Culpepper, Smith e il già citato Thomas, vinto dalla Red October.

Alla Fiat non è bastata una prestazione monstre di Washington che ha segnato per la prima volta trenta punti con la maglia gialloblù per avere la meglio: sono costati carissimi i primi tre minuti del secondo tempo in cui Cantù ha ritrovato fiducia e anche la brutta prestazione di Vander Blue, che anche questa volta ha visto da spettatore i minuti salienti della partita (4 punti in 17′ in campo).

Cantù è rimasta sempre coerente con la propria filosofia fatta di ritmi alti e tanti possessi: nel primo tempo i troppi errori al tiro (7/22 nel primo periodo) l’hanno penalizzata insieme ad una difesa eccessivamente distratta e incapace di contrastare nel pitturato Mbakwe e Washington, i quali hanno sostituito i terminali offensivi designati Garrett e Blue ma nel secondo tempo ha ripreso il controllo dei tabelloni e da quel momento è riuscita a giocare efficacemente.

La Fiat, capace di reagire nel momento più difficile, dopo aver subito la rimonta, grazie ai canestri da tre di Washington e Vujacic, autore di un secondo tempo chirurgico con 5 triple a segno, e di rispondere colpo su colpo per tutto il quarto quarto, ha dovuto chinare il capo di fronte alla giocata di Thomas, preceduta da una schiacciata in tap di Burns da highlight.

MVP Basketitaly Thomas: basterebbe a giustificare il premio la tripla a segno (dopo 5 errori) ma in realtà è stato anche il più costante dei suoi all’interno dell’arco della partita. Nel primo Culpepper è stato laborioso ma inconcludente, mentre Chappell e Smith troppo timidi: visto anche l’avvio da dimenticare di Burns (1/7 al tiro e -2 di valutazione) senza i suoi canestri il divario sarebbe stato ben più ampio. E la rimonta sarebbe rimasta nel cassetto così come probabilmente il sogno di andare ai playoff.

Cantù-Torino 93-90 (17-23; 32-43; 61-63)

Cantù: Raucci ne, Maspero, Cournooh 2, Burns 10, Tassone ne , Parrillo 3, Culpepper 20, Thomas 17, Ellis 7, Smith 14, Chappell 20. All:Sodini

Torino: Akoua ne, Tourè ne, Mittica ne, Poeta, Mazzola 2, Boungou-colo 8, Washington 30, Mbakwe 12, Vujacic 15, Garrett 14, Blue 4, Pelle 5. All: Gallbiati-Comazzi

3 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *