Sassari vuole la prima vittoria nel girone di ritorno, Varese arriva in emergenza

kadji, sassari

I padroni di casa non hanno ancora vinto una partita nel girone di ritorno, gli ospiti invece solo la prima a Caserta, per questo motivo Banco di Sardegna Sassari-OpenjobMetis Varese è una partita molto delicata, tra chi vuole rimanere nelle migliori del campionato e chi vuole allontanare le ultime posizioni. Un’altra cosa che accomuna le due squadre sono gli ultimi acquisti, ma sia Sassari che Varese non potranno schierare i nuovi playmaker. L’appuntamento è fissato per le 18:15 di domenica al PalaSerradimigni, arbitreranno i signori Carmelo Paternicò, Alessandro Martolini e Gianluca Calbucci.

Qui Sassari
Aspettando che Joshua Emmanuel Akognon disputi la sua ultima partita in Cina domenica in campo ci sarà Kenny Kadji. Debutta così in una partita importante, perché Sassari ha estremo bisogno dei due punti per rimanere nella parte alta della classifica, e coach Calvani ne è consapevole. In conferenza ha infatti fatto il punto della situazione: “Come tutti i processi lavorativi bisognerebbe avere continuità. Anche la partita con gli ungheresi non c’e stata piena continuità ma è sicuramente andata meglio. C’è bisogno di muovere la classifica, di prendere, appunto, continuità nell’atteggiamento e nell’attenzione. Con Szolnoki per buona parte ci sono stati segnali positivi rispetto alle gare precedenti ma non con completa continuità. Quando io vedo Logan che difende in quel modo contro Wittmann, per me è un segnale importante. Se però questo segnale, e non mi riferisco a Logan ma parlo in generale, non la vedo in maniera costante e continuativa per tutta la gara dico che questa soglia attentiva non è ancora sufficiente per una squadra che ha ambizioni in questo campionato”. Si è poi concentrato sul prossimo impegno: “Credo che Varese sia stata costretta a fare degli aggiustamenti per correggere quello che è l’assetto della squadra ma non mi lascio ingannare dalle posizioni in classifica, ha vinto a Caserta ed è stata competitiva per trenta minuti a Pesaro. Quindi direi che è squadra che merita tutto il rispetto, al di là della posizione in classifica”. Partito Eyenga, arriva Kadji: “Era uno di quei giocatori fra i quali potevo scegliere e io non ho avuto dubbi, perchè l’atletismo oltre che la versatilità di un giocatore sono le caratteristiche che possono fare la differenza. Lui ha un ventaglio di possibilità sia in attacco sia in difesa, elementi che sono un bel valore aggiunto. Formenti in questi giorni a riposo precauzionale, oggi sarà valutato dallo staff medico ma crediamo che domenica possa essere in campo.”

Qui Varese
La OpenjobMetis ha depositato l’ultimo tesseramento possibile, vale a dire quello di Chris Wright, ma non in tempo per farlo scendere in campo domenica. Varese arriva così in condizioni di emergenza, sia per quanto riguarda gli uomini disponibili sia per le due sconfitte con Milano e a Pesaro, che hanno portato il malumore tra i tifosi e la risposta di capitan Cavaliero. Moretti invece è stato molto tranquillo e ha presentato la partita così: “Siamo consapevoli delle nostre carenze nel reparto esterni e dei problemi che abbiamo in quello dei lunghi. Nel ruolo di guardia, infatti, non abbiamo nessun giocatore di ruolo mentre sotto le plance rischiamo di fare a meno di Campani che, pur venendo con noi, lo valuteremo solo domani alla luce del nuovo ciclo di terapie al quale è stato sottoposto nella giornata di ieri. Questo non toglie che proveremo a preparare il match al meglio contro una squadra in continuo fermento. Sebbene diversa rispetto all’andata ha delle costanti fisse: dinamismo, transizioni offensive e gran gioco di pick&roll in mezzo al campo. Vengono da tre sconfitte consecutive e questo ci fa pensare che troveremo un ambiente caldo; noi però stiamo attraversando un periodo molto simile e le motivazioni per fare una buona partita non ci mancano. Andremo a Sassari con testa alta ed il miglior spirito; è doveroso per noi e per tutti coloro che rappresentiamo. Faremo di tutto per disputare una gara energica in modo da rimanere costantemente attaccati al risultato.” Fa infine un elogio al giovane Manuel Rossi: “È un ragazzo adorabile, disponibile, educato ed impegnato. Ha la faccia giusta ed ha un bel feeling con il gioco. Vista la nostra continua emergenza sta trovando molto spazio e gli avversari nelle ultime uscite gli sono fin da subito “saltati addosso”. Lui ha subìto questa pressione, ma l’ha fatto con la giusta personalità. Ha un roseo futuro.”

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *